Mercoledì 08 Luglio 2020

Alessandria

Dehors: “88 autorizzazioni in poche settimane”

Maggioranza e opposizione chiedono “regole uguali per tutti”

Dehors: “88 autorizzazioni in poche settimane”

ALESSANDRIA - "In poche settimane sono state rilasciate 88 autorizzazioni alle attività commerciali per potersi allargare all’esterno”. Questi i primi numeri resi noti in commissione Territorio dall’assessore Davide Buzzi Langhi e dall’architetto Gambarini dell’ufficio comunale viabilità. “Per la stragrande maggioranza dei casi, un buon 95%, non ci sono state problematiche. In alcune situazioni le difficoltà sono in centro città, con i residenti. Bisogna riuscire a conciliare i due aspetti, anche perché alcune zone si sono abbellite”. Ad oggi solo 2 sono state le domande per attività non di somministrazione cibo: “perché per loro non c’è chiarezza” sostiene Serra del M5S. Ma le rassicurazioni arrivano dall’assessore Mattia Roggero: “ci stiamo lavorando. E sono ricomprese nella manovra Al.Via”.

Regole valide per tutti?
Tanto dai banchi di maggioranza (Sciaudone di FI) quanto da quelli di minoranza (Mazzoni e Berta, Pd) vengono sollevati dubbi: “le regole applicate per rilasciare i permessi sono uguali per tutti? Si fa tutto nel rispetto del Codice della strada?”. Questo perché “in alcuni casi viene il dubbio che ci siano alcuni più amici di altri”. E anche il capogruppo della maggioranza (dello stesso partito del vicesindaco) solleva perplessità: “permessi non concessi negli anni scorsi, ora vengono dati. O è cambiata la viabilità o c'è qualcosa che non quadra”. Tutti i consiglieri hanno rimarcato l'importanza di “andare in aiuto al mondo del commercio che ha subito un duro colpo”, ma con regole uguali per tutti.

Ed è per questo che tutta la minoranza è unità affinché si porti in discussione in Consiglio comunale la delibera di Consiglio proposta da Giorgio Abonante (ma sottoscritta da tutti i gruppi di opposizione) su modifiche al Regolamento dei dehors. “Grave che dopo 2 mesi sia ancora ferma” sostiene Serra e anche Diego Malagrino dei Moderati pur elogiando quanto è stato fatto fin'ora dall'amministrazione comunale per il mondo del commercio e della ristorazione non accetta “che lo strumento più democratico che si ha, cioè una delibera del Consiglio, non venga portata avanti”.

Anche perché potrebbe essere l'occasione per rivedere e mettere mano al regolamento tanto sui dehors permanenti che su quelli temporanei. “Dove è necessario iniziare a dare direttive e importanza anche all'aspetto estetico” ha concordato il vicesindaco Buzzi Langhi.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Novi Ligure

Muore mentre fa
colazione al bar

02 Luglio 2020 ore 11:20
Serravalle Scrivia

Violenza
e sequestro di persona, arrestato 45enne

04 Luglio 2020 ore 09:15
Lutto

Addio
al medico Giorgio Montanaro

01 Luglio 2020 ore 14:47
.