Venerdì 18 Settembre 2020

Teatro

“Spoglie”: con gli Stregatti l'adattamento contemporaneo e personale delle 'Troiane'

Sabato 25 e domenica 26 gennaio al Teatro San Francesco l'occasione per ricordare e fare parallelismi con la storia passata e attuale

“Spoglie”: con gli Stregatti l'adattamento contemporaneo e personale delle 'Troiane'

ALESSANDRIA – Andrà in scena sabato 25 e domenica 26 gennaio alle 21 al Teatro San Francesco, nell'omonima via, Spoglie della Compagnia Teatrale Stregatti. Nell'ambito della stagione Marte Nodi 2019720 il nodo che si scioglie è quello della violenza, della guerra e della perdita delle dignità umana.

Spoglie è un adattamento contemporaneo e personale delle Troiane di Euripide, nel periodo del Giorno della memoria, per ricordare e fare continui parallelismi con la storia passata e attuale, un monito per non dimenticare e per smettere di commettere sempre gli stessi atroci abusi. Sul palco Giusy Barone, Stefania Luce Cartasegna, Assunta Floris e Simona Gandini, regia di Gianluca Ghnò.

La guerra di Troia è finita. Le donne troiane hanno perduto tutto: figli, mariti, padri e anche la libertà. Sono condotte schiave ad Atene in una nave buia e fredda, dove diventeranno proprietà dei soldati greci vincitori.
Tutto è perduto, dunque. Troia non esiste più. Sembra tutto finito. E invece Euripide ci rivela che non è stato ancora messo un limite all’orrore. E queste donne danno voce alla coscienza collettiva di tutti, degli spettatori del V secolo e di noi spettatori di oggi. Esse giudicano il vincitore, che nella sua arroganza nemmeno si accorge di essere giudicato. Creano un legame che le terrà unite per non perdere la loro dignità e la loro identità di persone in terra straniera. Ma soprattutto sono le protagoniste ideali per denunciare gli orrori della guerra. Con Ecuba che piange il nipote ucciso, si denuncia l’orrore più grande della guerra di Troia e di tutte le guerre: i padri e le madri che piangono i giovani figli, morti prima di loro, in un mondo che ha rovesciato le normali leggi della natura. E che rende gli uomini predatori di tutto ciò che incontrano, compreso l’onore e la dignità delle donne.

È consigliata la prenotazione al numero 3314019616, biglietti 10 euro posto unico.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Il caso

Medico positivo va al lavoro? Ospedale
in subbuglio

11 Settembre 2020 ore 16:16
Casale 

Uccide il padre
e gli dà fuoco, confessa
il 23enne

07 Settembre 2020 ore 20:21
.