Giovedì 25 Febbraio 2021

Protesta

Aborto, la protesta delle femministe

La nuova circolare che disincentiva l'interruzione di gravidanza farmacologica è nel mirino delle attiviste che minacciano: "La fermeremo con ogni mezzo"

Aborto, la protesta delle femministe

Slogan pro aborto

ALESSANDRIA - La decisione della Regione Piemonte sulla pillola abortiva (no nei consultori, no al ricovero e presenza di associazioni pro vita e antiaborto nelle strutture sanitarie) ha scatenato le proteste delle associazioni femministe, che promettono battaglia. "Non accetteremo che la regione Piemonte ostacoli ulteriormente un diritto già attaccato da obiezione di coscienza a moralismo", tuonano le attiviste di Non Una di Meno, "L'aborto è un diritto".

Il collettivo denuncia inoltre l'altissima percentuale di medici obiettori di coscienza e i pochi a disposizione nelle Asl a praticare l'interruzione di gravidanza.

"Agiremo con ogni mezzo per il ritiro della circolare della Regione Piemonte". E' stata organizzata una protesta pubblica in piazza CAstello a Torino, sotto le finestre dell'amministrazione regionale. Intanto sono stati affissi cartelli sulle pareti degli ambulatori per ribadire il concetto. 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

La tragedia

Bistagno, schianto mortale in periferia

19 Febbraio 2021 ore 21:05
Video

Strage di gomme all'Europista

22 Febbraio 2021 ore 19:00
Video

Pomeriggio
di ordinaria follia: arrestato 46enne

18 Febbraio 2021 ore 12:49
.