Sabato 26 Settembre 2020

Resicar, si riparte in sicurezza

Resicar, si riparte in sicurezza

Si riparte, con il consueto entusiasmo e con la professionalità di sempre. Dopo le ferie, il Gruppo Resicar è pronto a raggiungere i futuri traguardi, forte anche di una ripresa del mercato automobilistico che ha caratterizzato i mesi estivi.

"Ad agosto abbiamo registrato buoni dati – sottolinea l'amministratore delegato Roberto Siri – specialmente in fatto di acquisizione di ordini. Per concretizzare questa inversione di tendenza dopo il periodo del lockdown, sono stati molto importanti i vari incentivi statali e il nostro Gruppo, con l'intera gamma dei marchi, è in grado di coprire tutti i segmenti”. Settembre, per tradizione, è sinonimo di un nuovo capitolo che comincia. Un dato di fatto, che assume ulteriore significato in un periodo particolare come questo.

"Sicurezza, per noi, rappresenta la parola d'ordine – conferma Siri – e nelle nostre concessionarie si presta grande attenzione al rispetto scrupoloso di tutte le misure anti Covid. Ci sono dei protocolli rigidi, che applichiamo alla lettera, perché tutelare la salute dei nostri clienti, ma anche dei nostri stessi dipendenti, è davvero una priorità assoluta".

Si è parlato di incentivi e in questo senso assume un peso specifico sempre più importante tutto il settore legato all'elettrico. "Il futuro non può che andare in questa direzione – chiarisce Siri – e l'intento dello Stato di curare, e di premiare sempre di più l'aspetto ecologico e 'green' è un dato di fatto a tutti gli effetti. Come Gruppo Resicar abbiamo già fatto e continueremo a fare investimenti importanti in questa direzione: un esempio significativo è rappresentato dalla nostra colonnina elettrica da 50 kilowatt che è a disposizione di tutti, ma puntiamo molto anche sull'aspetto legato all'informazione. Stanno infatti per ricominciare le nostre trasmissioni sul web dedicate a tutto ciò che è elettrico ed elettrificato: nella prima fase abbiamo avuto ottimi riscontri e ci sembra doveroso proseguire, prima di tutto per fornire alla gente comune tutte le informazioni necessarie su un settore che diventerà sempre più importante. Perché in fondo, è già domani".