Lunedì 08 Agosto 2022

Confindustria

L'ottimismo degli industriali nonostante il rincaro dei prezzi

Le previsioni parlano però di scenari preoccupanti per il trimestre di fine anno. "Crisi di governo? Non era il momento"

19 Luglio 2022 ore 16:51

di Roberto Gilardengo

confindustria-alessandria-industriali

"Nonostante tutto", le aspettative degli imprenditori alessandrine sono ancora buone e il segno '+' caratterizza i principali indicatori dell'indagine congiunturale di luglio-settembre, quella che porta quel titolo virgolettato. Significa che le previsioni degli imprenditori associati a Confindustria Alessandria, intervistati per il tradizionale report, sono ancora positive a dispetto del preoccupante aumento dei costi di energia, materie prime e logistica. Una dinamica che preoccupa gli osservatori e porta la presidente dell'associazione, Laura Coppo, a sottolineare come "questo effetto si sentirà ancora di più nel prossimo trimestre". E a rispondere a una domanda di chi immagina scenari inquietanti per fine anno con una sottolineatura: "Più che inquietanti, certamente preoccupanti". Tanto che il lievitare dei costi incide sulla redditività delle imprese.

Entrando nel dettaglio, la previsione dell’occupazione è a +13 (era +5 nell’ultimo trimestre), quella della produzione è a +22 (era +14), gli ordini totali sono a +10 (erano a  +11). Positivi gli ordini export, che risalgono a +2 da –12). Migliora anche la previsione sulla redditività,  che risale a –7  da –20). L'ipotesi di ricorso alla cassa integrazione è stabile ed è formulata dal 4% degli imprenditori intervistati (era il 4%) e sono sempre in maggioranza, all’81% (erano l’83), quelli che prevedono invariata l’occupazione.

"Verso la fabbrica sostenibile": energie rinnovabili nelle industrie

Il 24 giugno si è svolto il webinar introduttivo del progetto dedicato alle imprese 'green' 

La propensione a investire è sempre elevata ed è dichiarata dall’82% degli intervistati ("superiore alla media nazionale", viene sottolineato). Anche il grado di utilizzo degli impianti è alto: è in crescita, all’80% della capacità (era il 77%). Il ritardo negli incassi è pressochè stabile ed è segnalato dal 22% degli imprenditori (la precedente percentuale indicava il 20), come anche l’indicatore di chi ha lavoro per più di un mese che è dichiarato dall’86% degli intervistati (dall'88).

 

"Bene il metalmeccanico"

 

Giuseppe Monighini, il responsabile dell'Ufficio studi che ha condotto l'analisi, presentata oggi pomeriggio nella sede di via Legnano, segnala i comparti che fanno registrare una maggiore crescita: "Metalmeccanico, gomma-plastica e alimentare". Così come la chimica, tranne che per gli ordini totali. Anche per il settore dei servizi alle imprese gli indici sono positivi.

Guerra e rincari delle materie prime rendono pessimisti gli industriali

Indagine Congiunturale: per aprile-giugno previsioni in preoccupante picchiata

Il problema dei rincari, dunque. La presidente Coppo osserva: "Certo, la nuova rilevazione dell’aumento dei prezzi di materie prime, energia e logistica dà indicazioni di rincari generalizzati (è una segnalazione che mediamente perviene da otto aziende su dieci) e l’entità di questi aumenti pone lunghe ombre sui prossimi mesi. Lo sottolinea anche il Centro Studi Confindustria, nell’ultima indagine, che evidenzia un 'impatto significativo dei prezzi sui margini delle imprese', e delinea uno 'scenario molto incerto per l’Italia' con una 'inflazione record trainata dai prezzi elevati e ancor più in tensione a causa del conflitto in Ucraina'. Oltre ai rischi per i consumi. Oggi, però, noi rileviamo che 'nonostante tutto' le imprese della provincia di Alessandria continuano ad avere attese positive, a utilizzare gli impianti e a investire in modo rilevante, anche se le prospettive ci preoccupano su molti fronti".

Sostanzialmente in linea con i dai regionali, il 77% degli gli imprenditori alessandrini punta l'indice sui rincari delle materie prime, l'80% è preoccupato dall'aumento del prezzo dell'energia, il 78 della logistica.

La Casa del Mutilato
sarà la sede di Confindustria

La storica struttura sarà restituita alla città. Il presidente Laura Coppo: "Oggi è l'inizio di un percorso"

In questo scenario di difficoltà destinate a crescere nel trimestre di fine anno, si inserisce la preoccupazione di Confindustria per la crisi di governo: "L'incertezza politica - ammette Laura Coppo - è una ulteriore variabile. Chi ha mosso le proprie pedine avrà avuto dei motivi per farlo, ma diciamo che questo non era certo il momento...". 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

La tragedia

Incidente: muore Marco, il fratello di Simone Breggion

06 Agosto 2022 ore 09:04
.