Mercoledì 22 Settembre 2021

Calcio - Grigi

"Basta complimenti, adesso i punti"

Longo: "Per un tempo siamo stati squadra vera. Na ancora errori enormi nei gol"

Longo: "

Alessandria - Brescia: Palombi si è visto poco (foto Cutuli - Gandolfo)

ALESSANDRIA - Nove gol subiti in tre gare: fra i numeri dell'Alessandria che domina un tempo con il Brescia, ma non riesce a finalizzare e resta ancora a 0 in classifica, c'è anche questo e Moreno Longo il campanello di allarme lo ha sentito.

 

"Mi preoccupano queste nove reti, sarei un folle se sostenessi il contrario. Se le riguardiamo, la percentuale di errori individuali è altissima e non lo dico per 'difendere' l'assetto tattico. I ragazzi lo sanno: l'attenzione è una componente fondamentale che va allenata, ricercata in ogni seduta di allenamento, dal primo all'ultimo minuto. Non importa cosa si fa, ma come lo si fa: noi che dobbiamo salvarci, non possiamo permetterci errori così".  L'analisi di una sconfitta che dopo i primi 45' poteva, e doveva essere una vittoria passa attraverso una costante delle prime gare: gli sbagli. "Faccio fatica a trovare una spiegazione, perché regalare la palla agli avversari, in questo modo, fa arrabbiare, è contro la logica del calcio".

Alessandria - Brescia: un tempo non basta

Meglio i Grigi nella prima frazione, ma non finalizzano. Le rondinelle crescono nella ripresa e sono ciniche nello sfruttare gli errori

 

Ripensa, Longo,  alla dinamica delle tre azioni che il Brescia ha finalizzato. "Se permetti agli avversari di andare a calciare e segnare, c'è qualcosa che non va. Sono errori che vanno eliminati: può succedere di subire gol, ma per meriti dell'avversario, non perché lo abbiamo concesso noi".

 

Alessandria - Brescia: Bruccini e Mantovani

Le due partite

I regali sono tutti concentrati nella ripresa. Perché, invece, il primo tempo sarebbe stato perfetto se l'Alessandria avesse finalizzato almeno una delle occasioni enormi, ma comunque consegna la sensazione che la base e la qualità ci sono. "Siamo stati squadra, per 45', e anche una bella squadra: con coraggio, personalità, occasioni, una squadra che ha concesso poco. Nella ripresa non è stato il Brescia ad alzare l'asticella: siamo calati noi - insiste Longo - e non è una questione fisica, ma di energia mentale. Come se avessimo speso qualcosa di troppo: abbiamo regalato due gol, il secondo e il terzo, e  anche nel primo c'è una componente di attenzione su una palla inattiva, che richiede una concentrazione e una cura diverse. Questa è una categoria in cui mai il livello adrenalico deve abbassarsi, altrimenti si soccombe".

Alessandria - Brescia: Moreno Longo

 

Complimenti e punti

Però ci sono gli applausi veri del pubblico, c'è Pippo Inzaghi che sostiene che  "qui faranno punti in pochi e faranno fatica tutti": signfica che, comunque, la matricola ha gioco e personalità e ha la fiducia della gente. "Tutto vero, però sta diventando una costante e non mi piace: a Genova, con la Sampdoria  ci hanno fatto i complimenti, a Benevento pure e a Pisa ci hanno ripetuto che fino all'80' ce la siamo giocata alla pari. Oggi ancora: a noi, però, servono i punti. Tutto il resto sta a zero. La squadra ha gioco, ma deve esprimerlo per 95 minuti e non solo a tratti. Bisogna accelerare, nella concretezza: siamo all'inizio, è vero, ma anche i risultati e i punti nelle prime giornata valgono"

 

Alessandria - Brescia: le pagelle

Insufficienze in difesa, meno spinta a sinistra. Corazza, quarto gol

Marconi? Cresce

Il segnale che Marconi cresce è, soprattutto,  nel suo contributo al gol che ha riaperto la partita nella ripresa. "Sta meglio rispetto a quando è arrivato. La struttura fisica non lo aiuta, però lavora e cresce. Anche lo scampolo di oggi ha dimostrato il suo peso dentro l'area: la rete di Corazza nasce da una sua ottima elevazione e dal colpo di testa. Sono sicuro che lo ritroveremo presto per come lo conosciamo e lo aspettiamo".

 

Alessandria - Brescia: spettacolo sugli spalti

Da brividi la Nord che intona l'inno. In tutti i settori incitamento e commozione

Non c'è solo l'attaccante fra quelli alla ricerca della migliore condizione. "Per tutti i giocatori che sono  arrivati dopo, senza fare il ritiro, abbiamo fatto la scelta di allenarli facendoli giocare: penso a Palombi e Mantovani, se avessimo dovuto prevedere, per loro un carico di lavoro più importante, avremmo dovuto aspettarli di più. Sono contento di come sono entrati Milanese, Celesia e Orlando, mi aspettavo qualcosa di più dall'ingresso di Lunetta, con un piglio diverso, anche se non era il momento migliore, obbligati a recuperare contro una squadra forte".

 

Alessandria - Brescia: Parodi

Perché poco spazio, nelle ultime gare, per Arrighini? "Ho fatto la scelta Palombi, perché anche contro il Genoa mi era sembrato in palla. Poi le gare possono avere sviluppi diversi, però ho pensato che anche le due reti con i rossoblù gli avessero fatto bene, anche sul piano della convinzione personale. Chi è in fiducia è Simone Corazza, l'ho tenuto dentro proprio perché, in questa fase, ci sta dando davvero tanto".

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Castelletto d’Orba

Incidente di caccia: un uomo
trasportato in ospedale, è grave

19 Settembre 2021 ore 16:30
La tragedia

Morto nella notte il cacciatore ferito da un cinghiale

20 Settembre 2021 ore 10:11
.