Mercoledì 22 Settembre 2021

Dossier Spinetta

Le MammeNoPfas: incontro con i ministeri della Salute e Transizione ecologica

Intanto, Montecastello attende il monitoraggio dopo contaminazione da cC6O4

Le MammeNoPfas: incontro con i ministeri della Salute e Transizione ecologica

ALESSANDRIA - Inquinamento Pfas: le mamme NoPfas del Veneto si battono per tutta l'Italia, e portano all'attenzione, di riflesso, anche la situazione alessandrina dove, ad esempio, è stata rilevata la presenza del cC6O4 (Pfas di nuova generazione prodotto da Solvay) nella falda, nel Bormida e nel pozzo dell'acquedotto di Montecastello chiuso, in via precauzionale, un anno fa.

Proprio a Montecastello - probabilmente a inizio 2020 - partirà, grazie alla spinta del sindaco Gianluca Penna, il monitoraggio sanitario su un campione della popolazione per capire se vi sia stata, e in quale misura, contaminazione. 

Le MammeNoPfas chiedono "urgentemente un incontro congiunto con i Ministeri della Salute e della Transizione Ecologica.

I limiti nazionali per le sostanze perfluoroalchiliche Pfas vanno affrontati insieme.

Vogliamo proteggere tutti i bambini italiani - sottolineano a gran forza senza arrendersi - affinché quanto accaduto in Veneto non accada in nessun’altra regione italiana. Chi ci governa ha l’obbligo e il dovere di proteggere i suoi abitanti e garantire la vita alle generazioni future. Siamo ancora lontani dal vedere il cambiamento di visione necessaria che è rappresentata dai soli limiti nazionali allo scarico.

Ambiente e salute insieme, unite nello stesso obiettivo: proteggere i bambini!
Un passo indispensabile che non può più attendere: limiti 0".

All'inizio di luglio hanno chiesto anche un incontro con il presidente della Provincia di Alessandria.  

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Castelletto d’Orba

Incidente di caccia: un uomo
trasportato in ospedale, è grave

19 Settembre 2021 ore 16:30
La tragedia

Morto nella notte il cacciatore ferito da un cinghiale

20 Settembre 2021 ore 10:11
.