Venerdì 04 Dicembre 2020

Il caso

Maschera antigas nel lockdown? Tutto regolare

Era uscito vestito come in un fumetto post nucleare. Il giudice lo ha giudicato "Eccentrico ed estroso"

Con la maschera antigas spruzza liquido ai passanti: denunciato

Il "travestimento" del 40enne denunciato

ALESSANDRIA - Era stato denunciato per essere uscito di casa in piena quarantena con maschera antigas residuata bellica, impermeabile rosso e sprizzino in mano (conteneva solo acqua).

Leggi l'articolo: "Con maschera antigas spruzza liquido ai passanti: denunciato"

Aldo Codogno aveva fatto parlare di sè per il suo modo particolare di vivere la pandemia. Era stato fermato da una pattuglia e denunciato per getto di liquido sui passanti (l'acqua dal diffusore) e per aver spaventato alcuni passanti. Maschera, cappotto e diffusore gli erano prima stati sequestrati per accertamenti, poi consegnatili.

Il tribunale ha deciso che non sussiste reato di procurato allarme perché il suo atteggiamento è stato solo considerato estroso ("Ha reagito all'epidemia in modo eccentrico a pericoli esistenti"). Peraltro non ha spruzzato sostanze nocive né ha copito persone in transito. Solo un po' di teatralità, insomma.

Anche l'accusa di diffamazione verso il giudice è stata archiviata: su Facebook Codogno aveva inveito, ma seppur lo scritto avesse un "tenore inappropriato" la persona insultata non è identificabile nè è mai stata sporta querela per questo motivo.

 

 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

>

Le notizie più lette

Novi Ligure

Investita in via Isola, muore all’ospedale

01 Dicembre 2020 ore 21:58
.