Mercoledì 28 Ottobre 2020

I contagi

Alessandria migliora. In Piemonte è boom di ricoveri

L'analisi (e i grafici) del professor Bianchi dell'Upo

«Alessandria migliora, ma ora il Piemonte preoccupa»

ALESSANDRIA - Nell’ultima settimana il Piemonte ha fatto registrare numeri addirittura peggiori della media nazionale, peraltro a sua volta in costante (e preoccupante) ascesa.

È quanto emerge dalla consueta analisi del professor Carluccio Bianchi, docente di Macroeconomia dell’Upo, che sottolinea come «l’incidenza ogni 100mila abitanti, in regione, abbia raggiunto i 27,1 casi contro i 26,7 dell’Italia. Certo, è un sorpasso sul filo di lana, ma dobbiamo ricordare che noi siamo partiti da percentuali molto basse e che siamo saliti in maniera vertiginosa negli ultimi tempi. Alessandria è tornata a 15,7 casi ogni 100mila abitanti, deduco grazie allo spegnimento del focolaio di Villanova».

Il caso di Biella

Nel segmento di riferimento analizzato, la nostra regione ha segnato a referto ben 444 nuovi contagi in più, da 736 a 1.180. «Numeri che devono preoccupare - chiarisce Bianchi - e che, se presi in considerazione in maniera più approfondita, raccontano di un vero e proprio ‘caso Biella’. Perché è vero che Torino, Novara e Cuneo sono i principali responsabili di questo andamento negativo, ma va allo stesso modo sottolineato che Biella è passata da 4 a 77 casi, 46 dei quali all’interno di una Rsa».

E Alessandria, nell’ultima settimana, come si è comportata? Bianchi ammette che «c’è stato un timido miglioramento, tenuto conto che lo scorso 30 settembre eravamo i peggiori in assoluto. Oggi siamo scesi da 84 a 66 casi, meno 18 rispetto all’aggiornamento precedente, con una media di 9,4 casi al giorno. Andare bene è un’altra cosa, ma sono cifre che considero nel complesso accettabili».

Le varie tipologie

La percentuale di asintomatici cresce leggermente, dal 72 al 74%, mentre rimangono sostanzialmente stabili sia gli screen che i contatti di caso. «È interessante sottolineare - aggiunge Carluccio - che da qualche giorno, all’interno del bollettino diramato dall’Unità di Crisi, è indicata la percentuale di ‘provenienza’ dei nuovi casi: il 16% arriva dalle Rsa, il 9,3 dalla scuola, ma il riferimento è soltanto a docenti e alunni».

Serve chiarezza

Molti sostengono che l’aumento dei nuovi casi è legato all’aumento di tamponi, come dire ‘ne troviamo di più perché ne cerchiamo di più’. Bianchi è categorico nel sottolineare che «non è assolutamente vero, perché la percentuale di positività, calcolata in base al totale dei tamponi, è sì al 2,9% in Piemonte, ma questo ragionamento va fatto solo sulle nuove persone che si sottopongono ad accertamenti, senza considerare chi fa il test, per esempio, per verificare la guarigione. Ecco, i numeri sono eloquenti e dicono che con queste premesse la percentuale di positività è addirittura del 6,3%. Come lo scorso 4 maggio, all’inizio della fase 2». Se a questo aggiungiamo che in Piemonte le terapie intensive sono passate da 12 a 15 e che i ricoveri sono 93, di cui 57 solo ieri, ecco che il quadro è abbastanza delineato.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

>

Le notizie più lette

novi ligure

Villa Minetta, va deserta l'asta: nessuno la vuole

22 Ottobre 2020 ore 08:15
La tragedia

“I Vincenti responsabili”. Il Gup: imprudente...

20 Ottobre 2020 ore 18:25
.