Mercoledì 28 Ottobre 2020

Il libro

Un quarto di secolo per salvare il patrimonio artistico alessandrino

Venerdì la presentazione del volume che documenta gli interventi della Consulta

Un quarto di secolo per salvare il patrimonio artistico alessandrino

Anche la chiesa di San Giovannino ha usufrito degli interventi della Consulta

ALESSANDRIA - Venerdì, alle 17,30, viene presentato il libro La Consulta di Alessandria per una politica del patrimonio artistico (1997-2020) nella sede di Cultura e Sviluppo in piazza De André 76. Il suo curatore è Roberto Livraghi, segretario della Consulta, mentre l’editore è la Sagep di Genova. Sono annunciate diverse personalità, tra cui l’assessore regionale alla cultura, Vittoria Poggio, il sindaco di Alessandria, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, la soprintendente alle Belle Arti, Luisa Papotti, i presidenti delle Fondazioni Cassa di Risparmio di Alessandria e di Torino, Luciano Mariano e Giovanni Quaglia, il presidente della Consulta di Torino, Giorgio Marsiaj. L’incontro è a invito a causa dei limiti posti dalle norme anti Covid.

La Consulta per la Valorizzazione dei Beni Artistici dell’Alessandrino, presieduta da Piergiacomo Guala, è attiva da quasi un quarto di secolo con lo scopo di intervenire finanziariamente, contribuendo alla salvaguardia del patrimonio culturale della città e della provincia di Alessandria. Oggi raccoglie quattordici soci che annualmente contribuiscono nella misura definita dallo statuto ma lungo la propria storia ha potuto contare anche su altre presenze rilevanti e significative. Nell’arco di quasi un quarto di secolo il risultato di questo impegno si è tradotto in una disponibilità di risorse pari a due milioni di euro che sono stati orientati, in costante accordo con gli organi di tutela, per il restauro di importanti opere d’arte.

Il libro racconta nel dettaglio i tanti interventi portati a termine in questi anni: i restauri delle chiese alessandrine di Santa Maria di Castello e di San Giovannino, nonché di numerose opere d’arte, organi storici, sculture lignee, dipinti e affreschi appartenenti a importanti realtà religiose prevalentemente della diocesi alessandrina.

Oggi i soci della Consulta sono la Fondazione Social di Alessandria, la Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, Confindustria Alessandria, Kimono Spa, Sapimed Spa, Solvay Spa, Bonino Spa, Giuseppe Garlando, Luciano Mariano, Anna Maria Porrati Lenti, il Rotary Club di Alessandria, Adele Villosio, lo studio Zaio e Associati.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

>

Le notizie più lette

novi ligure

Villa Minetta, va deserta l'asta: nessuno la vuole

22 Ottobre 2020 ore 08:15
La tragedia

“I Vincenti responsabili”. Il Gup: imprudente...

20 Ottobre 2020 ore 18:25
.