Giovedì 28 Maggio 2020

L'iniziativa

Il teatro vuole “accogliere la memoria” degli alessandrini

«Inviateci un racconto, un episodio, una storia, qualche aspetto della vostra vita attuale, del vostro lavoro, della vostra quotidianità di questo periodo, oppure il ricordo di una persona cara deceduta a causa del virus»

Il teatro vuole “accogliere la memoria” degli alessandrini

ALESSANDRIA - Costruire un contenitore al cui interno possa essere custodita la memoria di Alessandria attraverso i suoi abitanti. È l’obiettivo che si prefigge il progetto ‘Accogliamo la memoria’, ideato e organizzato dalla compagnia teatrale Gli Illegali, che è nata in città nel 2013 e da allora organizza iniziative come le visite guidate teatrali e performance di teatro di strada.

L’appello degli attori della compagnia, che hanno tutti un’esperienza decennale nel campo, è rivolto direttamente agli alessandrini. «Inviateci un ricordo di questo periodo. Inviateci un racconto, un episodio, una storia, qualche aspetto della vostra vita attuale, del vostro lavoro, della vostra quotidianità di questo periodo, oppure il ricordo di una persona cara deceduta a causa del virus. La memoria della nostra città in questo periodo merita di essere conservata, quindi in pochissime parole mandateci un qualche cosa di voi che volete venga ricordato in futuro. Accogliamo la memoria, per non dimenticare».

Video, foto, audio, lettere, mail, fogli scarabocchiati, pensieri (nel formato che ognuno preferisce) vanno inviati tramite Whatsapp al numero 335 1340361, via mail a blogalessandria@tiscali.it oppure a info@illegali.it o ancora contattando la compagnia attraverso Facebook alla pagina ‘Gli Illegali’. «Tutti i contributi inviati verranno pubblicati sui nostri siti www.illegali.it e www.blogalessandria.it e sui nostri spazi social», dicono gli interpreti.

Nel corso del 2020 l’associazione BlogAl, in collaborazione con la compagnia Gli Illegali, ha presentato il progetto ‘Borgo del Teatro – l’Archivio delle Storie’, riconosciuto e sostenuto dalla Fondazione SociAl. «Intendevamo realizzare la costruzione di un archivio delle storie della nostra città, ovvero un contenitore multimediale di vite di nostri concittadini, esperienze, realizzato tramite interviste multimediali e produzione di contenuti audio e video, laboratori di scrittura, archiviazione e digitalizzazione di documenti significativi, con la realizzazione finale di uno spettacolo teatrale - spiegano Gli Illegali - Questo attualmente non è possibile ma intendiamo ugualmente raggiungere il nostro obiettivo, incontrando virtualmente i nostri concittadini per la costruzione di un contenitore per la memoria della città attraverso i suoi abitanti».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

.