Domenica 31 Maggio 2020

Alessandria

Unità di crisi del Comune: il Consiglio è escluso

La Capigruppo aveva chiesto un suo rappresentate permanente 

Unità di crisi del Comune: il Consiglio è escluso

ALESSANDRIA - Consiglio comunale di Alessandria escluso dall’Unità di crisi formata dal sindaco, due assessori, servizio prevenzione e protezione, un dirigente, Polizia Municipale, e ufficio stampa del Comune.

Nei giorni scorsi, la Conferenza dei presidenti dei gruppi consiliari aveva chiesto (all’unanimità) all’Amministrazione Comunale di inserire il presidente del Consiglio comunale nell’organismo che si sta occupando dell’emergenza, quale invitato permanente. Questo per garantirne il collegamento con i 32 consiglieri, in termini di informazioni oltre che di eventuali proposte che il presidente avrebbe provveduto a portare in quell’ambito.

L’amministrazione comunale ha espresso il suo diniego, e ha risposto di non voler coinvolgere il Consiglio trattandosi di situazioni che non attengono al suo compito: in sostanza, la Giunta sostiene che la gestione della crisi sia un fatto che non gli compete. Ha poi indicato nell’assessore Paolo Borasio colui  che dovrà riferire quanto discusso ed attuato.

Di diverso avviso chi siede nell’aula che rappresenta l’intera cittadinanza, che invece  ritiene di poter entrare nell’organismo con un suo rappresentante in modo tale da poter portare anche le proprie idee.

Nell’ultima riunione dei capigruppo, quella del 2 aprile, è stato il sindaco, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, accompagnato dall’ingegner Marco Neri, a relazionare sull’attività dell’Unita di crisi fino al 24 marzo, spiegando anche il perché non avrebbe coinvolto il Consiglio che, a questo punto, sembra proprio non avere voce in capitolo sulla grave emergenza che si è abbattuta sulla città.

“Confermo la nostra esclusione dall’Unità di crisi, ma non è questo il momento delle polemiche - interviene Emanuele Locci, presidente del Consiglio Comunale - sono convinto che l’Unità di crisi si impegnerà al massimo delle sue capacità per affrontare l’emergenza. Il sottoscritto e tutti i consiglieri comunali, assicuriamo comunque che, da parte nostra, c’è e ci sarà sempre il massimo impegno ad assistere e ascoltare i cittadini per ogni loro necessità”.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

L'editoriale

I medici e gli infermieri costretti
al silenzio

29 Maggio 2020 ore 08:24
.