Venerdì 22 Novembre 2019

La mozione sulla "legge 194" va in commissione per approfondimenti. Invitate le associazioni

Nella serata del Consiglio comunale la protesta di Non Una di Meno e di molti cittadini è proseguita fuori da Palazzo Rosso, sotto al Comune che ha chiuso il cancello. Ma ad inizio lavori il presidente del Consiglio comunale ha comunicato "che la mozione veniva tolta dall'ordine del giorno per poter essere affrontata e approfondita in commissione alla presenza e audizione di tutte le Associazioni che in questi giorni hanno manifestato un interesse sull’argomento"

La mozione sulla "legge 194" va in commissione per approfondimenti. Invitate le associazioni
 ALESSANDRIA - Alla fine la protesta ha ottenuto una "tregua". Nella serata di convocazione di ieri del Consiglio comunale, Non Una di Meno e molti cittadini - dopo la fiaccolata a difesa della "legge 194" e contro la mozione Locci-Trifoglio - si sono riversati sotto i portici di Palazzo Rosso per manifestare il proprio dissenso, con la richiesta di "ritiro della mozione". Ma si sono trovati uno spiegamento di forze dell'ordine e il cancello chiuso: il Consiglio comunale si terrà a porte chiuse e i manifestanti potevano seguirlo in streaming dallo schermo posizionato sotto il Comune, nella vetrina dell'Urp.

Urla e cori contro questa scelta, "contro la forma di democrazia di assistere ad un Consiglio comunale che è pubblico". E senza alcuna intenzione di "fermarsi": "se non ci faranno assistere a questo, torneremo a tutti i prossimi Consigli comunali in cui la mozione sarà all'ordine del giorno. Perchè vogliamo venga ritirata" sono state le parole di Non Una di Meno. 


E Intanto ai piani alti del Palazzo la capigruppo era riunita per decidere sul da farsi. Con oltre un'ora di ritardo rispetto l'orario di convocazione (20.30) il Consiglio a porte chiuse e con i manifestanti fuori dal cancello è iniziato con una comunicazione dello stesso presidente del Consiglio comunale, Emanuele Locci. "la conferenza dei Presidenti dei Gruppi Consiliari, all’unanimità, ha concordato di rinviare in Commissione Politiche Sociali la mozione Locci-Trifoglio per consentire un approfondimento sul tema. Saranno invitate ed audite in Commissione Politiche Sociali tutte le Associazioni che in questi giorni hanno manifestato un interesse sull’argomento oggetto di dibattito".

I manifestanti hanno quindi abbandonato il freddo gelido della strada, portando a casa una "mezza" vittoria: almeno la possibilità di confronto sul tema all'interno di una commissione consiliare dove una delegazione potrà partecipare ed essere ascoltata prima che la mozione torni in un ordine del giorno e venga quindi proposta e messa in votazione in Consiglio comunale. Che ha quindi proseguito l'ordinario dei lavori e delle questioni all'ordine del giorno. 

Come a dire - per il momento - "tutto è bene quel che finisce bene". Poi si vedrà....

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

novi ligure

Schianto mortale
a tarda sera in autostrada

21 Novembre 2019 ore 08:41
.