Martedì 17 Settembre 2019

Ci siamo quasi...

Per la rubrica Materia Grigia un breve focus sull'ultima avversaria dei Grigi, la Giana Erminio di Cesare Albé, il "Ferguson di Gorgonzola"

Ci siamo quasi...
MATERIA GRIGIA - Un nome e una storia originali, quelli della Giana Erminio, che è la squadra di calcio di Gorgonzola, cittadina di circa ventimila abitanti a nord-est di Milano, nota essenzialmente per aver dato i natali al celebre omonimo formaggio. Sono molte poche le società calcistiche che portano il nome proprio di una persona: tra queste, appunto, la compagine lombarda, che scelse di onorare così un sottotenente caduto durante la Prima guerra mondiale, la cui madre aveva donato alla Società sportiva un nuovo campo di gioco. I biancoazzurri si sono affacciati al calcio professionistico solo nel 2014, ma rappresentano una realtà davvero particolare: la stessa proprietà da trent'anni e lo stesso allenatore in panchina dal 1994. Un record dalle nostre parti! Ma non ci si stupisce se si incrocia anche solo una volta Cesare Albè (nella foto), mister sessantacinquenne che allenava nel tempo libero lasciatogli dal suo lavoro impiegatizio e che ha una saggezza, una grinta e una simpatia che non possono passare inosservate. Dalla Promozione alla Lega Pro in tre anni, e ora alla guida di una squadra solida, ben organizzata e insidiosa, capace di raccogliere 17 punti nelle prime dodici gare e di creare parecchi grattacapi anche alle "grandi", soprattutto in trasferta.

Giusto, dunque, il monito di mister Gregucci ai suoi di non sottovalutare assolutamente l'avversario. E l'Alessandria ha risposto con una gara attenta, ben giocata e tutto sommato bella. Soprattutto, sono arrivati tre punti d'oro grazie all'ottavo gol in campionato di Riccardo Bocalon. È mancata un po' di freddezza sotto porta, e la partita non si è chiusa fino al fischio finale, quando invece sarebbe stato opportuno concretizzare le occasioni avute (in particolare, le incornate di Morero e Fishnaller e l'azione in contropiede nel finale che ha visto il bomber fermato due volte da Pablo Sanchez). E si è anche corso qualche rischio di troppo. Ma la sensazione trasmessa dalla squadra grigia è stata quella di un pieno controllo del match. Dopo la vittoria di Pavia, un'ulteriore iniezione di fiducia e un avanzamento importante verso le posizioni di alta classifica. La vetta è lì, a soli due punti. Solo un piccolo passo in più. Anche se i conti veri, come ripete sempre mister Gregucci, si faranno soltanto dopo Pasqua.

Per il resto, da sottolineare una prova generosa da parte dei Grigi, con un ottimo Branca, un vivace Marras, qualche bel movimento di Fish, la concretezza del doge Bocalon ancora a segno con un gran colpo di testa al 53' (tra le proteste per un sospetto fuorigioco del centravanti veneto da parte dei tifosi ospiti, invero poco numerosi - anche per la concomitante fiera di Santa Caterina, che a quanto ci dicono i colleghi gorgonzolesi è molto sentita dalle loro parti), la convincente prova di Loviso, entrato a inizio ripresa al posto di uno spento Nicco, e subito leader "naturale" del centrocampo (che non stava più facendo ciò che aveva chiesto l'allenatore a inizio gara), e un'altra sicura prestazione tra i pali di Gianmarco Vannucchi. Tra gli avversari, colpi di classe di Andrea Gasbarroni, mezzala del 1981 con diversi campionati di Serie A e B alle spalle. Suo il passaggio per Rossini, che al 21' si fa parare una ghiotta occasione per il vantaggio. Al 40', però, si infortuna ed è costretto a uscire dal campo, riducendo notevolmente la pericolosità del Giana.

Da lodare anche, per l'ennesima volta, lo straordinario tifo della Gradinata Nord. Gli spettatori complessivi sono solo 2100, ma il calore degli Ultras grigi è fondamentale per sospingere la squadra. Alla fine applausi per tutti e un crescente ottimismo per le due prossime trasferte: lunedì 7 dicembre a Mantova per la quattordicesima giornata di campionato, e prima ancora - mercoledì 2 - il quarto turno di Coppa Italia allo stadio Barbera di Palermo; mente sgombra e grande motivazione ("in campo metto sempre la formazione migliore, gli uomini più motivati", tiene a sottolineare il mister, facendo leva sulla sana competizione all'interno di una rosa di grande qualità), per continuare a inseguire quel sogno di una notte di mezza estate...

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Alessandria

Muore a 18 anni: dona cuore,
fegato e reni

14 Settembre 2019 ore 20:00
Spinetta

Bellavita: bimbo bloccato da bocchettone della piscina

10 Settembre 2019 ore 08:49
.