Domenica 15 Settembre 2019

Barosini: "serve più tempo per lavorare sulle Unioni dei Comuni"

Proseguono i lavori dell'Anci con l'obiettivo di valorizzare al massimo le attività dei Comuni, piccoli o grandi che siano

Barosini: "serve più tempo per lavorare sulle Unioni dei Comuni"
ROMA - Dare più forza ai Comuni, che siano piccoli o grandi, vuol dire restituire dignità e rispetto per i Cittadini, in termini di servizi, garanzie e senso di appartenenza alla propria comunità. E’ per questo semplice e saldo principio che in Anci stiamo ponendo grande attenzione alla riforma di tale organo istituzionale che, non dimentichiamolo, ha fatto la nostra storia: il Municipio.

L'Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI), infatti, è un motore per le riforme che portano in primo piano il territorio e la sua essenza amministrativa, che è il Comune.
Proponiamo, anche alla luce della situazione di incertezza generata dallo svuotamento amministrativo delle Provincie, di potenziare concretamente le funzioni dei Comuni, incentivando la loro cooperazione attraverso l’istituzione delle Unioni o aggregazioni in bacini omogenei, semplificando le normative e istituendo un supporto economico finanziario fruibile direttamente ad imprese e cittadini. In generale rendere l’amministrazione dei territori efficiente, superando le criticità che rendono oggi la maggior parte dei Comuni inadeguati a rispondere alle esigenze prioritarie e sempre più pressanti del territorio.

Nel seminario del 25 scorso a Roma, alla presenza di membri del Governo (sottosegretario Luciano Rizzetti e sottosegretario Giancarlo Bressa) e di autorevoli costituzionalisti (prof. Luciano Vandelli e prof. Guido Meloni) la Commissione che presiedo ha illustrato le proposte più immediate:

la richiesta di sospensiva dell’obbligatorietà del termine del 31/12 per le Unioni dei Comuni, in quanto la riforma necessita di una più complessiva valutazione ed è volta ad impostare un percorso più ampio e organico di riforma, investendo le autonomie locali della responsabilità di individuare, in ciascuna area vasta ed entro pochi mesi, i bacini adeguati e omogenei per caratteristiche morfologiche e socio economiche. Quei bacini diventerebbero così le nuove Unioni di Comuni e potrebbero scegliere in autonomia se gestire le funzioni in modo associato oppure, ove ricorrano le condizioni, avviare anche percorsi di fusione. Ma solo ove ricorrano le condizioni e ci sia una precisa e condivisa volontà.
Siamo convinti che incentivare la cooperazione fra tutti i Comuni costituisca la via migliore per riorganizzare in termini più efficienti l’intero sistema.

L’obbligatorietà delle gestioni associate, con criteri che non tengono conto delle realtà territoriali e solo per i piccoli Comuni, non sarebbe efficace e anzi produrrebbe effetti contrari a quelli sperati.
Il disegno che proponiamo dovrebbe prevedere, dunque, per favorire le Unioni nei bacini omogenei, un passaggio di semplificazione e un programma di incentivi di tipo economico finanziario, nonché un successivo confronto sulle modalità di gestione associata delle funzioni, in modo da renderle il più possibile utili all’amministrazione efficiente dei territori.
Comunque, la Commissione prosegue il lavoro di confronto e di proposta, anche nella nostra provincia organizzeremo a breve, nel mese di gennaio e febbraio 2016, delle iniziative istituzionali che coinvolgano i Sindaci dell’intera comunità.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Spinetta

Bellavita: bimbo bloccato da bocchettone della piscina

10 Settembre 2019 ore 08:49
novi ligure

Via Verdi, 84enne investito
da un furgone

05 Settembre 2019 ore 10:01
Martin Eden

Luca Marinelli in una scena

Recensione

Martin Eden

14 Settembre 2019 ore 16:08

.