Mercoledì 17 Luglio 2019

Mauro Cattaneo: "basta storie di ordinaria disperazione"

Nello sfogo dell'assessore alla coesione e alle politiche sociali la fotografia di una situazione fatta di impotenza e tante storie di povertà e crisi. E Cattaneo cita don Milani: "uscirne tutti insieme è politica, uscirne da soli è avarizia"

Mauro Cattaneo: "basta storie di ordinaria disperazione"
ALESSANDRIA - Con una lettera ai giornali e uno sfogo su Facebook l'assessore alla coesione e allo politiche sociali Mauro Cattaneo racconta l'ennesimo episodio di disperazione giunto alla sua attenzione. A presentarsi nel suo ufficio, come avviene praticamente ogni giorno, sono cittadini in difficoltà. "Si sono presentati ieri mattina al Comune con questo cartello. Una coppia. Non più giovani. Entrambi disoccupati. Sfrattati e ospiti dei dormitori gestiti dalla Caritas. Con gravi problemi familiari e di salute alle spalle".

Ecco il racconto integrale dell'assessore insieme alle sue riflessioni:

Avevano già parlato con me diverse volte nelle ultime settimane. Li ho sempre ascoltati e ho sempre spiegato loro che il Comune non dispone di case. Li ho inviati dagli operatori del Cissaca e della Caritas che li stanno seguendo e stanno cercando di trovare una soluzione ai loro numerosi problemi. Ma questa mattina sono tornati davanti al Comune a incatenarsi al cancello con quel cartello. Un gesto di ordinaria disperazione.

Prima abbiamo provato a calmarli. A fari capire loro che questi gesti non risolvono niente. A spiegare per l'ennesima volta che le case popolari non sono del Comune. Dopo che si sono tolti le catene siamo andati nel mio ufficio. La loro rabbia si è trasformata in pianto. Abbiamo provato a ripercorrere le soluzioni che i vari operatori stanno cercando di trovare per loro. Siamo riusciti (forse) a ridar loro un po' di speranza.
 

Ma quello che è successo con loro - a prescindere dalla accuse ingiuste e immotivate al Comune - è solo la punta dell'iceberg. Solo ieri mattina nel mio ufficio sono passati tre nuclei familiari altrettanto privi di mezzi. Lavoro che non c'è e casa a rischio. Una storia che si ripete ogni giorno. Dico questo non per metter le mani avanti o per giustificarmi. Io e le persone con cui collaboro stiamo facendo tutto quanto è nelle nostre capacità. Potrei raccontare le tante situazioni già risolte e le soluzioni che stiamo quotidianamente costruendo. E non posso certo escludere di fare anche degli errori.

Dico questo perché vivendo ogni giorno in trincea ho l'impressione che la nostra città, la nostra comunità non abbia ancora piena consapevolezza di quanti sono questi casi e di quanto stia salendo la marea della disperazione. Dico questo perché vedo un’immensa generosità e passione in tanti operatori pubblici e privati, in tante persone. Ma vedo anche tanta indifferenza. E troppa voglia di girare la testa dall'altra parte e dimenticare. Per me l'unica soluzione è quella delle parole di don Milani: "Ho imparato che il problema degli altri è uguale al mio. Uscirne tutti insieme è politica. Uscirne da soli è avarizia." E con questo spirito cerco di adempiere al mio incarico. Ne usciremo solo con l'attenzione e la disponibilità di tutti. Dal singolo cittadino alla Fondazione. Dall'alto dirigente al volontario. Si troveranno le soluzioni per i singoli casi di disperazione e contemporaneamente si darà vita a una comunità più coesa.

Chiedo semplicemente che ciascuno faccia la sua parte. Ne usciremo tutti arricchiti.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

pozzolo formigaro

Loris se ne va
in silenzio: i...

05 Luglio 2019 ore 21:59
Maltempo

VIDEO - Grandine sull'A26

09 Luglio 2019 ore 15:40
.