Mercoledì 21 Agosto 2019

Atm, "entro la primavera in arrivo i nuovi mezzi"

Dopo un anno di incertezze, a gennaio dovrebbe essere aperta la gara per l'acquisto dei nuovi mezzi cofinanziati dalla Regione Piemonte. Migliora anche la situazione dei debiti verso l'erario: Equitalia ha accordato la rateizzazione dei pagamenti Inps. "Ma restano i problemi di liquidità"

Atm, "entro la primavera in arrivo i nuovi mezzi"
ALESSANDRIA – Dal rischio fallimento al salvataggio. Un anno vissuto sull'orlo dell'incertezza per Atm e i 228 dipendenti. L'azienda del trasporto alessandrino è passata, per ora indenne, da un cambio di presidenza, dal rinnovo del consiglio di amministrazione, fino al piano industriale che punta tutto sul rilancio e il risanamento, attraverso l'applicazione di ammortizzatori sociali e la riorganizzazione delle mansioni. Si tira un sospiro di sollievo, ora, anche se il presidente Gianfanco Cermelli prefesrisce non abbassare la guardia. “L'accordo trovato grazie alla collaborazione di tutti sulla cassa integrazione e l'impegno dell'amministrazione a trovare le risorse per co-finanziare l'acquisto dei nuovi mezzi ci fa ben sperare – dice – Restano, ovviamente i problemi di liquidità per i crediti che abbiamo nei confronti dell'amministrazione, socio di maggioranza. Ma c'è l'impegno a rientrare, progressivamente”. Intanto, dopo la minaccia di pignoramento da parte di Equitalia per il mancato versamento nel passato dei contributi previdenziali per oltre 2 milioni di euro, l'azienda ha concordato con la società di riscossione una rateizzazione.
“Abbiamo trovato la disponibilità al dialogo da parte della direzione Equitalia di Alessandria”. Messo a posto anche il Durc, documento che attesta la regolarità delle contribuzioni, “sarà possibile aprire il bando di gara per l'acquisto dei nuovi mezzi, già entro gennaio”.

Quindi in primavera il parco mezzi di Atm dovrebbe essere rinnovato con almeno quattro nuovi mezzi meno inquinanti. La Regione ha messo a disposizione 970 mila euro a seguito di un bando. Il comune di Alessandria, non senza sforzi, è riuscito a reperire i 400 mila euro mancanti. “Quindi ora possiamo procedere”, annuncia Cermelli.
Per quanto riguarda il personale, l'accordo raggiunto per l'applicazione degli ammortizzatori sociali
ha permesso di mantenere i livelli occupazionali. Non solo: grazie ad una riorganizzazione e redistribuzione delle mansioni, in 25 sono rientrati dalla cassa integrazione.
“Ci risulta oltre tutto che anche gli utenti siano soddisfatti della presenza dei controllori a bordo dei mezzi – conferma il presidente – Non si registrano più i tassi di evasione che c'erano invece in precedenza”.
Dopo un anno tutto il salita, si prospetta quindi un nuovo periodo se non proprio in discesa, almeno "in piano". 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Valenza

Donna aggredita
da un pit bull

20 Agosto 2019 ore 18:04
novi ligure

Uomo sale sul traliccio
e tenta il suicidio

16 Agosto 2019 ore 10:56
.