Mercoledì 18 Settembre 2019

"Il nostro messaggio a papa Francesco, arrivato grazie allo spirito di squadra"

Un grande spirito di squadra e molta determinazione hanno reso possibile al gruppo degli atleti alessandrini di portare a termine la staffetta organizzata dall'associazione Stella Bianca Laura Garavelli. I ricordi dei momenti più impegnativi, ma anche di quelli più commoventi, sono ancora nelle parole del presidente Monica Gasparini

"Il nostro messaggio a papa Francesco, arrivato grazie allo spirito di squadra"
ALESSANDRIA - Un grande spirito di squadra e molta determinazione hanno reso possibile al gruppo degli atleti alessandrini di portare a termine la staffetta organizzata dall'associazione Stella Bianca Laura Garavelli. I ricordi dei momenti più impegnativi, ma anche di quelli più commoventi, sono ancora nelle parole del presidente Monica Gasparini: “Siamo partiti con un tempo da lupi, il 19 dicembre, e ci sono stati momenti di grande stanchezza, ma eravamo carichi, galvanizzati, determinati a portare a termine l'impegno. Ha sempre prevalso lo spirito di gruppo, tutti, proprio tutti, ci siamo dati una mano e ce la abbiamo fatta, insieme”.
L'iniziativa consisteva in una staffetta da Alessandria a Roma per portare a papa Francesco una fiamma che tenesse “viva” l'attenzione sul dramma delle Somalia: partenza il 19 dicembre da piazza del Duomo, arrivo il 22 dicembre in piazza San Pietro, in tempo per assistere all'Angelus. “Nonostante tutto, siamo arrivati allo stadio Olimpico con un'ora di anticipo sulla tabella di marcia, alle 2 e 30 di notte. Determinante è stato l'aiuto della Polizia Stradale che ha seguito i corridori e tutto lo staff passo per passo. A loro e a tutti quelli che ci hanno aiutato va il nostro sentito ringraziamento”, sottolinea il presidente.
Ancora ricordi del freddo e delle notti insonni: “la prima notte è stata un inferno per il clima, abbiamo incontrato neve e grandine. Abbiamo dormito praticamente tre ore, ma ancora carichi, tanto che abbiamo guadagnato un'ora sulla tabella di marcia”. Alla squadra dei 10 staffettisti (Vincenzo Lacamera, Tina Lassen, Davide Paffrat, Walter Manca, Pio Danesin, Giorgio Belloni, Stefano Gagino, Adriana Zuccalà, Fulvio Mirra, Michele Menechino) si sono aggiunti anche Giuseppina Capra , Dario Cavanna e Paolo Tortonese che hanno coperto alcuni tratti in bici, per dare un po' di respiro ai corridori. “Un omaggio anche a Marco Giorcelli, appassionato di ciclismo,. L'associazione nata in suo ricordo ci ha concesso l'utilizzo del marchio”, dice Monica Gasparini. Se la prima notte è stata dura, la seconda ancora peggio: “eravamo sul tratto dei colli senesi. Alcuni hanno persino dovuto ripetere la frazione di corsa”.
L'arrivo è stato “un sogno”: alle 2,30 di notte all'Olimpico. In tempo per riprendersi ed arrivare alle 10 in piazza San Pietro: “il papa non ci ha potuto accogliere, ma durante l'Angelus ci ha salutati. Oltre alla fiaccola, abbiamo consegnato anche un messaggio di Silvana Mossano affinché venisse ricordato il dramma di Casale Monferrato, città martoriata dall'amianto”.
Insieme al personale della Santa Sede la delegazione alessandrina è stata accolta anche dall'ambasciatore della Somalia, che ha offerto poi un rinfresco al termine della cerimonia. “E' stato davvero toccate. Alcuni di noi hanno versato lacrime di commozione sincere”.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Alessandria

Muore a 18 anni: dona cuore,
fegato e reni

14 Settembre 2019 ore 20:00
Spinetta

Bellavita: bimbo bloccato da bocchettone della piscina

10 Settembre 2019 ore 08:49
.