Domenica 21 Luglio 2019

Premio per i dirigenti? "Nessun aumento, è un accantonamento"

Una determina dirigenziale stanzia oltre 700 mila euro per l'indennità di posizione dei dirigenti comunali. Il comune risponde: “nessun aumento del trattamento economico è stato disposto dall’amministrazione o dagli uffici né per l’anno 2012, né per il 2013”

Premio per i dirigenti? "Nessun aumento, è un accantonamento"
ALESSANDRIA – Nonostante il comune di Alessandria sia in dissesto, i dirigenti si “aumentano lo stipendio”? E' questa la notizia che circola da qualche giorno per i corridoi di palazzo Rosso. A sollevarla è un'interpellanza del consigliere del Pdl Emanuele Locci con la quale chiede conto dei “702.361 euro stanziati nel 2013 per il Fondo retribuzione posizione e risultato”.
Con una recente determina, infatti, la numero 1065 del 19 giugno, il dirigente del servizio ha infatti “impegnato 467.125 euro per l'erogazione mensile della retribuzione accessoria di posizione e di risultato dei dirigenti dell'ente, allocati sull'apposito fondo”.
Tale fondo, per l'intero anno 2013, ammonta ad oltre 700 mila euro. “Premesso che il Comune di Alessandria sta affrontando una fase di forte sofferenza finanziaria, tale per cui risultano a rischio sia l’offerta dei servizi ai cittadini che il mantenimento del personale dell’ente e delle aziende partecipate – scrive Locci – e che la responsabilità di questi stanziamenti è preminentemente politica in quanto è la deliberazione della Giunta n° 10 del 16/1/2013, si chiede di sapere de l'amministrazione non ritenga utile, nell’ottica di una revisione della spesa corrente dell’ente, intervenire urgentemente con nuove linee di indirizzo per diminuire i 702.361,00 € di stanziamento sul Fondo retribuzione posizione e risultato sul 2013, destinando i 467.125,18 € (o quanto ancora residuo) di fondi non ancora erogati per fare fronte ad altre emergenze”.
Così risponde l'amministrazione: “la retribuzione complessiva per l’anno 2013 è inferiore a quella degli anni precedenti. Nessun aumento del trattamento economico è stato disposto dall’Amministrazione e/o dagli Uffici né per l’anno 2012, né per il 2013, anzi, al contrario è stata imposta una diminuzione complessiva della stessa.”
L'accantonamento oggetto dell'interpellanza è infatti relativo all'anno 2012 ed è un passaggio tecnico “per il pagamento del trattamento economico stabile dei dirigenti, relativo alla retribuzione di posizione che, assieme al trattamento tabellare, rappresenta la componente fissa del trattamento economico, prevista dal Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro e nel rispetto dello stesso”. Si tratterebbe un atto “dovuto”, quindi. Il Comune precisa anche che “tale impegno non implica automaticamente la costituzione del Fondo 2013 che sarà oggetto di una atto successivo” e che in ogni caso, rispetto all'anno precedente, ha subito una riduzione di circa 200 mila euro.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

novi ligure

Tenta di investire il rivale in amore: ora è nei guai

12 Luglio 2019 ore 18:40
.