Domenica 25 Agosto 2019

"Firmato il contratto per la distruzione di Valle" . I grillini chiedono spiegazioni

Il Movimento 5 Stelle denuncia la firma al contratto che darà il via alla distruzione dell'area collinare di Valle San Bartolomeo rendendo difficile ogni ulteriore intervento volto a scongiurare tale scempio. “La Giunta Comunale vuole davvero salvaguardare la collina?”. Le risposte saranno date in Consiglio il 5 luglio

"Firmato il contratto per la distruzione di Valle" . I grillini chiedono spiegazioni
Martedì 26 giugn, i consiglieri del Movimento 5 Stelle - Domenico Di Filippo, Andrea Cammalleri, Angelo Malerba - hanno presentato un’interpellanza comunale in merito all’avvio dell'urbanizzazione di Valle San Bartolomeo ed alla conseguente distruzione dell'area collinare.
Questa richiesta di "spiegazioni" da parte del gruppo di opposizione alla nuova Giunta è già stata inserita all'ordine del giorno del nuovo Consiglio comunale, indetto per il 5 luglio. A rispondere sarà l'assessore all'Urbanistica, Ferralasco. Prima richiesta di delucidazione in Consiglio per il gruppo dei grillini, nuovi nella compagine dell'organo consiliare. La questione si riferisce allo "scempio" - come lo definiscono loro - edilizio che si vuole costruire sulla colina di Valle e che era stato oggetto di "lotta" anche da parte del Comitato Noi di Valle. 
“Con l’interpellanza – spiegano dal gruppo consiliare del Movimenoto - si vuole mettere in evidenza che, poche ore prima dell'apertura dei seggi del ballottaggio delle ultime recenti elezioni amministrative (del 20 e 21 maggio), in una stanza del notaio Lucio De Palma (e non, come di consueto avviene, pubblicamente, presso la sala consiliare ) il dirigente del comune, l'architetto Pierfranco Robotti, apponeva la propria firma al contratto che darà il via alla distruzione dell'area collinare di Valle San Bartolomeo, rendendo difficile, se non impossibile, ogni ulteriore intervento volto a scongiurare tale scempio". E proseguono: "Si vuole rammentare che, l’insediamento urbanistico nell’area collinare di Valle San Bartolomeo, trova ferma opposizione da parte della popolazione e non ha alcuna giustificazione di senso. Opere di nessuna utilità continuano ad appesantire il quadro urbanistico della nostra città e dei paesi limitrofi andando, progressivamente, a deteriorare l’assetto generale urbano senza garantire l'equilibrato rapporto tra sviluppo e salvaguardia del territorio. Sembra che, questo ulteriore scempio, abbia gli stessi presupposti di partenza dell'ex distretto di piazza della Libertà sul quale la Magistratura ha aperto un'indagine". 
Inoltre, sul progetto di Valle San Bartolomeo – in merito al quale c'era già stato parecchio rumore da parte della cittadinanza - pende una formale diffida redatta dallo studio legale "Crucioli" di Genova a causa della non conformità con le norme relative al rischio sismico.
L'opinione dei consiglieri del Movimento 5 stelle è "che la firma apposta sul documento che sancisce l’avvio dei lavori per l’insediamento urbanistico nell’area collinare di Valle San Bartolomeo dovesse essere posticipata così da permettere, alla nuova Giunta e al nuovo Consiglio comunale, di intervenire in modo appropriato, con analisi e verifiche".  
"Al momento non interessa  - precisano i consiglieri del Movimento - sapere circa la legittimità o meno di tale atto che sarà posto al vaglio degli avvocati sui quali il nostro gruppo si appoggia. Preme, piuttosto, mettere l’accento sul fatto che è venuto meno il rapporto fiduciario con la dirigenza". Per tutti questi motivi i consiglieri comunali interpellano la Guinta ( nella figura dell'assessore Ferralasco) e il sindaco per capire le motivazioni che hanno portato a conferire l’incarico fiduciario (fino al 31/10/2012) al dirigente Pierfranco Robotti.  "Alla luce degli avvenimenti sopraccitati, tale scelta, risulta poco coerente. I dirigenti, come consuetudine vuole, devono essere scelti su base fiduciaria. Ci si interroga, quindi, su come sia possibile che il dirigente che ha firmato l’atto di avvio lavori di Valle San Bartolomeo, goda ancora della fiducia del sindaco". Altra domanda che sarà posta dai banchi dell'opposizione è relativa alle "intenzioni future" dell'amministrazione comunale per "salvaguardare la collina di Valle dallo scempio ambientale previsto in Via Falamera". 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Valenza

Donna aggredita
da un pit bull

20 Agosto 2019 ore 18:04
.