Giovedì 26 Maggio 2022

Coldiretti

I tappi schizzano a +40%, "Aumenti unilaterali"

"Il vino è il traino per l’intero sistema agroalimentare non solo all’estero ma anche sul mercato interno, a partire dal settore turistico".

I tappi schizzano a +40%, "Aumenti unilaterali"

Davvero la guerra in Ucraina può far lievitare i prezzi del vino che beviamo? L'allarme arriva da Coldiretti che dal Vinitaly avverte: i costi di produzione sono aumentati del 35%. Non è l'uva a costare di più, bensì bottiglie di vetro, tappi e altri materiali. "Le aziende vitivinicole si sono trovate a fronteggiare aumenti unilaterali da parte dei fornitori di imballaggi che arrivano oggi a pesare sui bilanci per oltre un miliardo di euro", denunciano dall'Associazione.

Qualche esempio? Una bottiglia di vetro costa il 30% in più rispetto al 2021, mentre il prezzo dei tappi ha superato il 20% per quelli di sughero e addirittura il 40% per quelli di altri materiali. Per le gabbiette per i tappi degli spumanti gli aumenti sono nell’ordine del 20% ma per le etichette e per i cartoni di imballaggio si registrano rispettivamente rincari del 35% e del 45%.

I prezzi che variano di settimana in settimana rendono anche difficile una programmazione economica dei costi aziendali. "Fino ad oggi però, l’incremento dei costi è stato scaricato esclusivamente sulle spalle dei viticoltori", sottolinea Coldiretti che indica una possibile soluzione: intervenire per contenere il caro energia ed i costi di produzione con interventi immediati e strutturali per programmare il futuro.

Le ripercussioni si potrebbero avere su larga scala: "Il vino è il traino per l’intero sistema agroalimentare non solo all’estero ma anche sul mercato interno, a partire dal settore turistico".

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

La tragedia

Pontestura in lutto: muore mamma di 41 anni

18 Maggio 2022 ore 15:57
.