Mercoledì 26 Gennaio 2022

Sanità

Nursind: "Infermieri pronti allo sciopero"

Il segretario Coppolella: "Mancanza di rispetto e poca attenzione verso una categoria che ha dato l’anima"

infermieri-nursind-alessandria-sciopero

ALESSANDRIA - "Un altro Natale in prima linea per gli infermieri, stanchi e provati sul piano psicologico oltre che fisico, decimati maggiormente rispetto alle altre volte, dai sospesi, dai contagiati, da chi ha deciso di lasciare questo lavoro, dalle mutue di gente che non ce la fa più, oltre alle mancate assunzioni": sono parole amare, quelle di Francesco Coppolella, segretario regionale del NurSind in Piemonte.

"E' una situazione estrema - prosegue - Siamo di meno con un carico aumentato rispetto alle altre volte per via del lavoro sui tamponi e sui vaccini che necessitano di essere portati avanti. Non abbiamo una vita da due anni e ancora non è finita. Queste incertezze, improvvisazioni e modi di operare incidono in maniera importante sulle nostre teste e sulle nostre motivazioni. Salteremo nuovamente le nostre ferie, lasceremo la nostre famiglie, i nostri figli e i nostri genitori mentre il Parlamento non è ancora riuscita a darci l’indennità specifica, gli 80 euro lordi al mese promessi già nella finanziaria del 2020 e che dovevano essere erogati già a partire dal 2021, ma che non abbiamo ancora visto. Non è solo una questione di soldi ma di riconoscimento che non vi è stato".

Secondo Coppolella, "la sufficienza con la quale il ministro Brunetta ha detto in Parlamento che gli infermieri possono aspettare è vergognosa oltre che poco dignitosa. Mancanza di rispetto e di poca attenzione verso una categoria che ha dato l’anima, il cuore e anche la vita e ancora oggi ne sta dando prova. Ogni volta rimettiamo a posto le cose come se non dovesse più accadere e non ci preoccupiamo di scrivere un piano da poter mettere in atto al ripresentarsi della situazione. Sappiamo che le situazioni evolvono ma la necessità di accesso, di posti letto, di percorsi rimane la stessa. Seppur con meno ricoveri attualmente, ci troviamo invece ogni giorno, come sempre, ad assistere a provvedimenti che sembrano essere stati presi al momento, al contestuale presentarsi della situazione o all’evoluzione della stessa. Non era prevedibile, non è una cosa che si può ancora accettare".

Conclude il segretario del Nursind: “Ci spiace, ma se questa Legge di Bilancio non darà un segnale di attenzione, questa volta chi governa si assumerà la responsabilità di uno sciopero che fermerà gli infermieri di tutta Italia e non si potrà certo dire che gli infermieri non sono stati pazienti. La disponibilità non sarà più la stessa perché in cambio abbiamo ricevuto solo parole al vento”.

 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Il video

Alessandria, rissa in via Pontida

16 Gennaio 2022 ore 15:02
Il lutto

Schianto di Astuti: Elisa aveva 49 anni

18 Gennaio 2022 ore 14:10
Le indagini

Casale: commando rapina la Credem

21 Gennaio 2022 ore 16:43
.