Mercoledì 27 Ottobre 2021

Ance

Governo e Parlamento contro il rincaro delle materie prime

Marco Ferrari: “Gli interventi dell’ANCE hanno ottenuto la risoluzione di un problema importante per le imprese e per la ripresa”

Governo e Parlamento contro il rincaro delle materie prime

Alcuni mesi fa, l’ANCE è stata fra le prime associazioni a segnalare il grave problema del rincaro delle materie prime, con la conseguenza reale di mettere a rischio la realizzazione di interventi infrastrutturali importanti per il nostro Paese. E non solo. Perché anche i cantieri privati si sono trovati davanti ad una difficoltà oggettiva per la ripresa e la riqualificazione dei centri urbani.

Il Parlamento, su proposta del Governo, ha approvato la norma, “sollecitata ripetutamente dall’ANCE” – come sottolinea Marco Ferrari, vice presidente del Collegio Costruttori alessandrino – che introduce un meccanismo di compensazione per le imprese, costrette a fronteggiare gli aumenti eccezionali dei prezzi dei materiali da costruzione, istituendo un fondo ad hoc.

“E’ un risultato importante – afferma Ferrari – che premia l’impegno e la forza dell’associazionismo e che mette l’Italia alla pari con gli altri Paesi dell’Unione Europea nell’ordinamento riguardante le misure di compensazione. La norma scatterà a partire da rincari di oltre l’8% relativi al primo semestre del 2021, evitando che un’impennata improvvisa dei costi dei materiali possa mettere in difficoltà la prosecuzione dei lavori pubblici. I 100 milioni stanziati, per quelle ‘stazioni appaltanti’ che non disponessero delle risorse necessarie, dovrebbero bastare per ‘tamponare’ gli effetti nel primo semestre, ma è lecito attendersi un ulteriore intervento per il secondo. Anche perché la ‘revisione prezzi’, un tempo vietata nei soli appalti di lavori, è tornata a essere un diritto dell’appaltatore da più di 5 anni”.

“Concordo pienamente con il presidente ANCE, Gabriele Buia – ha detto Marco Ferrari – sulla necessità di un lavoro di squadra fra imprese e istituzioni per centrare l’obiettivo della ripartenza e i primi 25 miliardi approvati dall’Unione Europea per l’Italia rappresentano un segnale importante”.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Spinetta Marengo

Mortale di Spinetta: la vittima
è una donna novese di 49 anni

22 Ottobre 2021 ore 15:00
Pozzolo Formigaro

Il paese in lutto per la morte improvvisa del farmacista

25 Ottobre 2021 ore 16:12
.