Lunedì 21 Giugno 2021

L'analisi

"Il Piemonte è in piena ripresa e Alessandria segue il trend regionale"

I dati della 198ª indagine congiunturale sull’industria manifatturiera diffusa da Unioncamere Piemonte 

"Il Piemonte è in piena ripresa e Alessandria segue il trend regionale"

ALESSANDRIA - L’indice della produzione industriale nel primo trimestre 2021 segna +2% rispetto a un anno fa (primo trimestre 2020). La media regionale è +5%: questa è la sintesi di quanto emerge dalla 198ª indagine congiunturale sull’industria manifatturiera diffusa da Unioncamere Piemonte e realizzata in collaborazione con gli uffici Studi delle Camere di Commercio provinciali. La rilevazione ha coinvolto 232 imprese industriali della provincia di Alessandria, per un numero complessivo di 7.400 addetti e un fatturato complessivo di 3,4 miliardi di euro.

"Dopo un 2020 in rosso, il Piemonte è in piena ripresa e Alessandria segue il trend regionale - commenta Gian Paolo Coscia (in foto sotto), presidente della Camera di Commercio di Alessandria-Asti - La produzione è ripartita e ora inizia la scommessa del digitale: i software gestionali sono le tecnologie digitali maggiormente utilizzate dalle aziende alessandrine, ma le previsioni di attivazione di nuove tecnologie sono basse, complice anche la crisi del periodo che mettiamo alle spalle. Per questo l’utilizzo delle risorse europee è quanto mai strategico per la nostra economia, e il recovery-plan è un’occasione da non perdere: attualmente, il 60% delle industrie non prevede investimenti nel 2021 e il 30% prevede investimenti fino a 15mila euro: il Next Generation Ee sarà pertanto quanto mai importante".

Secondo Coscia, "l’indagine che abbiamo condotto interessa, oltre al digitale, anche l’occupazione. Un dato che riguarda gli ultimi tre anni: quasi la metà delle industrie ha effettuato assunzioni (in qualsiasi forma, il 40% sono diplomati), ma solo il 20% delle nostre industrie, comprensibilmente, prevede ora di assumere nei prossimi 12 mesi. Noi Camere di Commercio ci poniamo quali soggetti che assistono e supportano le Pmi lavorando accanto alle Pmi, sul territorio, affinché anche questa scintilla occupazionale cresca e si stabilizzi, in questa fase di ripresa concreta e intrisa di speranza".

Analizzando i numeri, l’industria alimentare segna negatività in ogni classe dimensionale di industria, con punte nella micro-industria (-9,8%); analoga situazione per le “altre industrie manifatturiere”, ma con valori di produzione ancora più bassi e il valore in assoluto più basso del quadro generale: -11,2% nella micro-industria.

I dati elaborati da Unioncamere: guarda la tabella

Molto bene invece la metalmeccanica, con il valore di produzione più alto in assoluto, nella grande industria (+12%); la gioielleria restituisce un buon risultato complessivo con una lieve negatività nella micro-industria. Sotto il profilo della classe dimensionale, è la grande industria a trainare (+9,8%).

In sintesi, è la piccola e la grande industria a trainare, in particolare l’industria metalmeccanica, la gioielleria e l’industria chimica.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Il gesto disperato

Si dà fuoco a Moleto: interviene l'elisoccorso

16 Giugno 2021 ore 10:02
Il lutto

Dentista morto di infarto

11 Giugno 2021 ore 16:05
I video

Grigi in B, una città intera in festa

17 Giugno 2021 ore 20:59
.