Martedì 20 Aprile 2021

Vaccini

Astra Zeneca, anche in provincia il lotto ABV5811

Bruzzone: "I vaccinati non hanno manifestato effetti collaterali gravi"

Vaccino AstraZeneca, usato anche in città il lotto ritirato

ALESSANDRIA - Le notizie si rincorrono. Prima la Regione Piemonte ha sospeso la somministrazione di Astrazeneca alla notizia della morte a Biella di un docente a cui ieri era stato inoculato il vaccino; poi dopo due ore, si torna alla normalità con il divieto circoscritto al lotto interessato, l'ABV5811.

«Alla prima notizia abbiamo immediatamente contattato tutti i centri vaccinali ordinando di sospendere le vaccinazioni con Astrazeneca e di utilizzare un altro vaccino se disponibile, Pfizer o Moderna, da inoculare ai soggetti convocati per oggi (onde evitare di rimandali a casa) - ci ha spiegato il dottor Giacomo Bruzzone, responsabile del servizio vaccini Asl Alessandria - Poi è arrivata la seconda notizia. Abbiamo prontamente verificato la disponibilità del lotto segnalato rilevando la presenza di solo due flaconi o poche dosi, non so però dire presso quale sede».

Quindi precedente al blocco della Regione sono state inoculate dosi tratte dal lotto sospeso? «Si, presumibilmente si - ha risposto l'intervistato - Non so dire però quante dosi siano arrivate e quante somministrate. Posso però assicurare che l'Asl di Alessandria non ha rilevato nessun effetto collaterale grave. Quindi niente di diverso dagli altri lotti».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

.