Domenica 28 Febbraio 2021

La previsione

Molte imprese a rischio chiusura, artigiani penalizzati

Le previsioni per i prossimi mesi restano fortemente negative, ma un po' meno rispetto al trimestre in pieno lockdown. L'incertezza futura fa frenare sugli investimenti. "Servono tre anni di bonus 110"

Molte imprese a rischio chiusura, artigiani penalizzati

Le prospettive per gli artigiani piemontesi, in periodo di Covid, restano difficili. Ma pur sempre con qualche spiraglio rispetto a tre mesi fa. Dalla quarta indagine trimestrale congiunturale del 2020 elaborata da Confartigianato Imprese Piemonte emergono infatti forti preoccupazioni del comparto artigiano in tema di produzione ed occupazione a causa del perdurare della pandemia. Tuttavia le aspettative, pur pesantemente negative, sono leggermente meno pessimistiche rispetto al trimestre scorso.

Le previsioni riguardanti la produzione totale presentano un saldo ancora fortemente negativo, ma in misura minore, passando dal -54,32% al – 48,54%.

Le previsioni di carnet ordini sufficienti per meno di un mese salgono dal 50,87% al 51,93%; quelle di carnet da uno a tre mesi crescono dal 37,74% al 39,44%; quelle di carnet ordini superiore ai tre mesi scendono dall’11,39% all’8,63% a conferma della scarsa fiducia delle imprese sulla possibilità di avere commesse di lavorazione sul lungo periodo.

Il saldo relativo all’andamento occupazionale è meno negativo, passando dal –31,87% al –25,79%.

Le previsioni di assunzione di apprendisti, pur rimanendo pessimistiche, evidenziano un saldo meno negativo salendo dal –46,34% al –38,85%.

Il saldo dei nuovi ordini per esportazioni è ancora pesantemente negativo, ma in lieve recupero risalendo dal –54,31% al –51,70%.

Meno investimenti, però: le previsioni per ampliamenti scendono dal 7,56% al 4,78%; le ipotesi di investimenti per sostituzioni salgono dall’11,13% all’11,90%; le imprese che non hanno programmato investimenti salgono dall’81,31% all’83,31%.

Le previsioni di regolarità negli incassi salgono dal 50,66% al 57,29%; le previsioni di ritardi scendono dal 49,00% al 42,71%.

“Gli artigiani piemontesi – commenta Giorgio Felici presidente di Confartigianato Imprese Piemonte – sono determinati a superare questo momento di grave criticità nonostante la forte limitazione delle attività produttive dovuta al primo lockdown. Questa seconda ondata della pandemia, con le nuove disposizioni di contenimento, che comportano una chiusura quasi completa di molte regioni, tra cui il Piemonte, rischia però di avere conseguenze irreparabili su gran parte del tessuto imprenditoriale artigiano con conseguente chiusura definitiva di molte piccole imprese e perdita di molti posti di lavoro”.

SuperBonus. “Altra misura necessaria – conclude Felici – è la proroga del Super Bonus 110% per almeno tre anni, al fine di continuare a creare importanti opportunità di lavoro per le imprese delle costruzioni”.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

novi ligure

Addio a Sonia Merlo, «amica altruista
e collega gentile»

19 Febbraio 2021 ore 09:25
La tragedia

Bistagno, schianto mortale in periferia

19 Febbraio 2021 ore 21:05
La tragedia

Schianto a Bistagno: l'Acquese piange 40enne di Monastero

20 Febbraio 2021 ore 08:00
.