Giovedì 03 Dicembre 2020

Restrizioni

Stop alla caccia ma non alla raccolta professionale di tartufi

La Regione chiederà comunque ulteriori chiarimenti a riguardo

Con il nuovo Dpcm stop alla caccia ma non alla raccolta dei tartufi

Un momento durante la raccolta di tartufi

PROVINCIA – Con il nuovo Dpcm il Piemonte è stato contrassegnato come zona rossa e conseguentemente sono state definite restrizioni ancora più rigide rispetto a quelle già in vigore. Proprio in quest’ottica la Regione ha interpellato la prefettura di Torino per ricevere chiarimenti riguardo lo svolgimento dell’attività di caccia e quest’ultima ha fornito prime indicazioni che si sostanziano nella non possibilità dell’esercizio venatorio.

Detto questo, la Regione è comunque intenzionata a richiedere ulteriori chiarimenti alle autorità governative competenti.  In attesa di un riscontro, tutte le attività del settore sono comunque da considerarsi non praticabili.

Diverso è invece il discorso per quel che riguarda la raccolta dei tartufi che è consentita solo per coloro che la svolgono professionalmente. In questo caso il raccoglitore è autorizzato anche alla mobilità dal proprio comune di residenza. Per dimostrare che l’attività svolta è professionale sarà necessario esibire (se richiesti durante la raccolta) il tesserino di abilitazione in corso di validità, il versamento effettuato della tassa regionale e il versamento F24 per sostituto d’imposta entro i settemila euro oppure dimostrare di essere in possesso di partita Iva specifica.

LEGGI ANCHE: La doppia interpretazione di Regione e Provincia, caos tra i tartufai

ALLA FINE è ANDATA COSì: LEGGI L'ARTICOLO

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

>

Le notizie più lette

Novi Ligure

Investita in via Isola, muore all’ospedale

01 Dicembre 2020 ore 21:58
.