Lunedì 26 Ottobre 2020

Alessandria

“Odio la chiesa”. E cerca di bruciare San Giovanni Evangelista

Ecco chi è la donna denunciata dalla Polizia

“Odio la chiesa” come istituzione, e cerca di bruciare San Giovanni Evangelista al Cristo

Marco Ferraro della Questura di Alessandria

ALESSANDRIA - Avrebbe agito perchè animata da un odio verso la chiesa, colpevole, a suo dire, di un complotto contro l’umanità. Così, ha scelto un obiettivo che poteva raggiungere facilmente e ha gettato 18 litri di gasolio contro i tre portoni della chiesa di San Giovanni Evangelista. Fortunatamente è stata disturbata da un passante proprio nell’attimo in cui ha acceso il fiammifero. Il gasolio non si è incendiato, questo ha evitato un incendio di gravissime proporzioni.

È accaduto la sera del 28 settembre, in corso Acqui, al quartiere Cristo, ad Alessandria.

Un atto premeditato perchè la donna si è recata davanti alla chiesa con i doppi indumenti. E prima della fuga si è tolta pantaloni e giubbotto (zuppi di gasolio) abbandonandoli sul posto. Sia la tanica che i vestiti sono stai sequestrati dalla polizia.

Al lavoro gli uomini della Digos della Questura che, vista la grave azione, hanno scongiurato immediatamente la matrice eversiva.

Le indagini e le successive perquisizioni, hanno portato all’identificazione e alla denuncia della donna che ha poi ammesso le proprie responsabilità: Margherita Rigano, 40 anni, residente ad Alessandria, è accusata di danneggiamento seguito da incendio.

L’operazione è stata illustrata dal dottor Marco Ferraro durante una conferenza stampa in Questura. Sul giornale in edicola oggi, venerdì, tutti i particolari del fatto e l’intervista al parroco, don Claudio Moschini.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

>

Le notizie più lette

novi ligure

Villa Minetta, va deserta l'asta: nessuno la vuole

22 Ottobre 2020 ore 08:15
La tragedia

“I Vincenti responsabili”. Il Gup: imprudente...

20 Ottobre 2020 ore 18:25
.