Martedì 25 Febbraio 2020

Il progetto

Alessandria nella Rete degli Orti e dei Giardini Botanici del Piemonte

Barosini: “il nostro giardino botanico è particolarmente significativo per la varietà di essenze che ospita e queste collezioni rappresentano un patrimonio di altissimo valore”

Giardino botanico, eventi e sorprese con la ‘Green Week’

Il giardino botanico 'Dina Bellotti'

ALESSANDRIA - Il Comune ha aderito alla Rete degli Orti e dei Giardini Botanici del Piemonte. La Giunta Comunale ha approvato la proposta di adesione pervenuta nello scorso mese di dicembre da parte dei soci fondatori della Rete: l’associazione Wwf Oasi e Aree protette piemontesi, afferente alla struttura del Giardino Botanico di Oropa in accordo con gli altri due soci fondatori, l’associazione Amici dell’Orto Botanico di Torino e l’associazione Amici del Giardino Botanico Rea afferente alla struttura del Giardino Botanico Rea di Trana (To).

L’adesione alla rete è totalmente gratuita e a tempo indeterminato e ha lo scopo di creare una sinergia tra strutture della Regione Piemonte che condividono le stesse finalità con l’obiettivo di realizzare progetti comuni che possano accedere con maggiore incidenza a bandi di finanziamento regionali, nazionali ed europei.

‘Gli Orti Botanici sono ancora poco conosciuti e sottolinearne la presenza è un valore aggiunto che ne qualifica il ruolo culturale e l’importanza – ha spiegato l’assessore comunale al Verde Pubblico Giovanni Barosini -. Sono dei veri e propri musei viventi: il nostro giardino in particolare è particolarmente significativo per la varietà di essenze che ospita e queste collezioni rappresentano un patrimonio di altissimo valore per la nostra comunità. Per implementare le attività degli Orti e dei Giardini Botanici del Piemonte è nata la rete alla quale abbiamo convintamente aderito come strumento per valorizzare e mettere in comune le competenze. Muoversi in rete,infatti, pur nell’autonomia della specificità di ogni soggetto, permetterà di reperire con maggiori facilità le risorse per attività individuali e congiunte e per favorire progetti e le strategie di conservazione, conoscenze e tecniche di coltivazione oltre alla gestione delle collezioni, alla didattica e alla divulgazione botanica”.

Gli obiettivi primari della Rete saranno la collaborazione, l’interazione e il costante contatto tra Enti, in particolare quelli del Piemonte e dei territori vicini, attraverso incontri periodici su temi specifici (tecnici, gestionali, formativi e organizzativi; la promozione della cultura e della ricerca scientifica e il perseguimento di iniziative comuni; l’individuazione e diffusione dei progetti e il contatto o lo scambio con altri Enti e organismi pubblici e privati in Italia e all’estero per favorire lo sviluppo di iniziative condivise. Possono aderire alla rete Orti e Giardini Botanici che ne condividano gli scopi e che si impegnino e contribuiscano a realizzarli.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Pozzolo Formigaro

Coronavirus: due casi sospetti trasferiti
agli Infettivi

22 Febbraio 2020 ore 17:04
.