Giovedì 23 Gennaio 2020

La riunione

Sicurezza: individuati alcuni sospetti

Riunione del Comitato: ancora maggiori controlli, si punta sulle telecamere. Anche interne ai negozi

Sicurezza: individuati alcuni sospetti

ALESSANDRIA - Si è riunito questa mattina in prefettura, ad Alessandria, il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza richiesto da Palazzo Rosso a seguito di alcuni gravi fenomeni di vandalismo e di furti in centro nelle ultime settimane.

«Vorrei innanzitutto ringraziare, a nome della giunta e dell’intera amministrazione, la prefettura - commenta il vicesindaco Davide Buzzi Langhi - che, con grande sensibilità istituzionale, tramite il viceprefetto vicario Paolo Ponta, ha colto la preoccupazione della nostra comunità".

Presenti alla riunione anche i vertici delle forze dell’ordine, oltre al presidente della Provincia Gianfranco Baldi e ai responsabili della Polizia municipale di Alessandria e di quella provinciale: "Ciò che emerso - aggiunge Buzzi Langhi - è che non si è trattato di semplici bravate, bensì di furti e reati compiuti da alcuni soggetti il cui comportamento non lascia dubbi".

Da questo punto di vista, le forze dell’ordine sono ottimiste, forti dei numerosi indizi già raccolti e dell’attività di contrasto già posta in essere, che ha consentito di sottoporre a misure di prevenzione persone sospette, la cui posizione è al vaglio dell’autorità giudiziaria.

E' stata inoltre concordata la prosecuzione e intensificazione di mirati servizi preventivi e di controllo. A questo riguardo, va sottolineato un più intenso pattugliamento del territorio nelle zone interessate (oltre al coinvolgimento dei servizi sociali qualora venissero accertati casi di devianza giovanile) e l’opportunità di migliorare ulteriormente, in tutti gli aspetti, anche la sicurezza passiva, mediante un incisivo utilizzo dei sistemi comunali di video-sorveglianza.

Si è perciò presa in considerazione la possibilità di approfondire un progetto che – mediante il coinvolgimento delle specifiche associazioni di categoria di appartenenza – veda eventualmente i singoli commercianti e operatori economici della città installare telecamere private interne alle proprie singole attività, ma collegabili ai circuiti delle forze dell’ordine e della Municipale affinché si crei un’unica grande rete cittadina di video-sorveglianza.

"Ciò che oggi abbiamo fatto tramite il Comitato - conclude Buzzi Langhi - è stato lanciare un segnale chiaro e inequivocabile: l’ordine e la sicurezza per Alessandria sono aspetti primari e strategici che intendiamo salvaguardare con convinzione e con l’apporto di tutte le istituzioni, perché “vivere tranquilli e sicuri” è un bene irrinunciabile di tutti i cittadini"

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

novi ligure

Cani a spasso, c'è l'obbligo di museruola e bottiglietta

22 Gennaio 2020 ore 05:30
L'incidente

Grave 22enne, 
forse tradita dal ghiaccio

21 Gennaio 2020 ore 08:36
Sale

Schianto frontale,
un morto e una ferita

21 Gennaio 2020 ore 22:42
.