Mercoledì 20 Novembre 2019

Alluvione - 25esimo anniversario

Alluvione 1994: all'Università esperti a confronto

Il Disit ospita il convegno che ripercorre quanto fatto e quanto ancora bisogna migliorare per evitare nuove catastrofi di carattere alluvionale

Disit e Azienda ospedaliera 'connettori di idee'

ALESSANDRIA – Il Dipartimento di Scienze e innovazione tecnologica dell'Università del Piemonte Orientale, in collaborazione con Aisam (Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e della Meteorologia), mercoledì 6 novembre organizza un convegno per definire i progressi fatti nel corso degli anni nella previsione degli eventi estremi e quanto ancora si debba fare per riuscire a prevenire e scongiurare eventi catastrofici come quello del 1994.

Il coordinamento scientifico del convegno sarà curato dal professor Enrico Ferrero, docente di Fisica del Sistema Terra e del mezzo circumterrestre al Disit. L'evento è supportato da Progetto Risk-Gest – Pitem Risk, Interreg 2014-2020 Alcotra It-Fr, da Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e da Amag Spa, mentre hanno concesso il loro patrocinio Comune di Alessandria, Provincia di Alessandria, Regione Piemonte, arpa Piemonte, Protezione Civile, Autorità di bacino del Po, Aeronautica Militare, Prefettura di Alessandria, Associazione Cultura e Sviluppo Alessandria, Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima (Cnr-Isac) e Fondazione Cima.

Al mattino, dalle 9.30, dopo l'introduzione del professor Enrico Ferrero interverranno Dino Zardi (Aisam e Università di Trento), su La meteorologia in Italia oggi: situazione, opportunità e prospettiveRenata Pelosini (Arpa Piemonte), per L’inquadramento dal punto di vista meteorologico dell’evento alluvionale; Fabio Luino (Irpi - Cnr), per L’evento alluvionale del 5-6 novembre 1994 lungo il bacino del TanaroCarlo Cacciamani (Dipartimento della Protezione Civile) sul tema Il sistema della protezione civile per gli eventi alluvionaliFrancesco Della Corte (Crimedim, Upo) su Le conseguenze di interesse sanitario negli eventi alluvionaliGianpaolo Balsamo (Ecmwf) per il Progresso delle previsioni meteorologiche alla scala globale e prospettive future; Federico Grazzini (Meteorological Institute, München/ Arpae Bologna), con la Classificazione degli eventi di precipitazione estrema sul centro-nord Italia e precursori a grande scalaGiorgio Melchioni (Coordinamento Protezione Civile Provincia di Alessandria), su Il volontariato della Protezione Civile di Alessandria.

La sessione pomeridiana, dalle 14, si concentrerà sul confronto tra le simulazioni dell’evento alluvionale fatte con i modelli odierni e quelle fatte con i modelli di allora. Presiederà Roberto Buizza (Scuola Universitaria Superiore Sant’Anna di Pisa). Interverranno Massimo Milelli (Arpa Piemonte), Modellistica ad area limitata italiana: CosmoSilvio Davolio (Isac-Cnr), La modellistica previsionale del CnrAntonio Parodi (Fondazione Cima), La modellistica meteo-idrologica previsionale di Fondazione CimaValerio Capecchi (Consorzio Lamma), La modellistica previsionale del Lamma; Riccardo Bonanno (Rse), Il dataset di rianalisi meteorologica Merida (MEteorological Reanalysis Italian DAtaset)Gianpaolo Balsamo (Ecmwf), Previsione e monitoraggio dell’alluvione del Piemonte 1994 con i prodotti di informazione di Ecmwf-2019Claudio Cassardo (Università di Torino), La modellistica previsionale del Dipartimento di FisicaStefano Alessandrini (Ncar), Simulazioni meteorologiche ad alta risoluzione dell’alluvione del 1994; Ines Cerenzia (Arpa Emilia Romagna), Previsione per l'alluvione del '94: performance del sistema di previsione d'ensemble ad alta risoluzione.

Il convegno è a ingresso libero.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Masio

Schianto fatale
dopo la curva, muore 23enne

10 Novembre 2019 ore 13:55
Cronaca

Piazza Garibaldi,
in Rianimazione l’uomo ferito

10 Novembre 2019 ore 14:42
.