Mercoledì 20 Novembre 2019

Basket

Passo falso degli Aironi contro l'Acaja Fortitudo Fossano

Passo falso degli Aironi contro l'Acaja Fortitudo Fossano

BASKET - Gli Aironi sapevano di avere di fronte una delle squadre più forti del girone, costruita fin dall’inizio per il salto di categoria. Ma fino alla fine, contro l’Acaja Fortitudo Fossano è stata partita vera, seppur alla sirena il risultato dava gli avversari per vincitori. Prima sconfitta, dunque, per il Cuspo Basket nella terza di campionato. Sconfitti 62-67 per propri demeriti che per una superiorità dei cuneesi. Il Cuspo è sceso in campo con Mazzoglio, Meardi, Campi, Riccino e Botti. La partita inizia in modo molto equilibrato con le due squadre che si rispondono colpo su colpo. Il primo tempo, infatti, finisce 12-14. Ospiti in avanti anche alla fine del secondo tempo che finisce, appunto, 25-35. Nel secondo tempo, però, vanno segnalate alcune decisioni arbitrali molto discutibili che hanno penalizzato la squadra di casa. Nel terzo tempo gli Aironi del Cuspo accorciano le distanze portandosi sul parziale di 40-49. Anche nel quarto tempo i padroni di casa accorciano, ma Acaja resiste e vince la partita per 62-67.

Il coach Alberto Panati se l’aspettava: “È stata una partita combattuta, lo sapevamo, avversari giovani e atletici, squadra di alta classifica sicuramente. Purtroppo è arrivata la prima sconfitta, di cui mi assumo la responsabilità. Troppi punti subiti. Ho sbagliato anche alcune rotazioni. La prima sconfitta stagionale contando pure le amichevoli. Ora ci lecchiamo le ferite e torniamo in palestra a lavorare sugli errori”.

“In una partita punto a punto – ha aggiunto il dirigente degli Aironi Gabriele Longhini – i dettagli contano molto e gli episodi ancora di più, abbiamo pagato uno scivolone negli ultimi 3′ del secondo periodo dove abbiamo subito 9 punti in un amen, ci siamo sempre avvicinati fino al -3 però i nostri avversari si sono dimostrati lucidi. La loro fisicità ci ha messo inizialmente in difficoltà, difatti l’attacco ha ruotato poco però siamo riusciti ad adattarci bene, aumentando il ritmo e cercando tiri veloci. Rimane il rammarico ma ora testa per venerdì ad Alba dove affronteremo Langheting e vogliamo la pronta riscossa”.

Un ringraziamento particolare ai tifosi che stanno sostenendo la squadra con calore e affetto.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Masio

Schianto fatale
dopo la curva, muore 23enne

10 Novembre 2019 ore 13:55
Cronaca

Piazza Garibaldi,
in Rianimazione l’uomo ferito

10 Novembre 2019 ore 14:42
.