Giovedì 04 Giugno 2020

Il dibattito

E se piazza Garibaldi fosse liberata dalle macchine?

La provocazione social dell’assessore Barosini e una lunga serie di commenti. Favorevoli

E se piazza Garibaldi fosse  liberata dalle macchine?

ALESSANDRIA - La provocazione è stata lanciata via social dall’assessore ai Lavori pubblici, Giovanni Barosini: «Senza auto (in superficie) - il suo post - piazza Garibaldi sarebbe una delle più belle piazze d’Italia...».

Nel breve volgere di poche ore, il dibattito si è scatenato. Con un profluvio di commenti e analisi su uno degli angoli più belli della nostra città purtroppo sfruttato nella maniera più scontata, pur se (attualmente) necessaria.

«Bisognerebbe chiudere alle auto e creare parcheggi a silos e non a terra. Nelle altre città ci sono riusciti, come mai qui no? Forse manca la volontà», scrive non a caso Maria Regina Autano, mentre Claudio Rolando batte su un altro tasto, sul quale oltre un anno fa - in occasione del rifacimento dell’esterno della banca - proprio il nostro giornale pose particolare attenzione: «Magari assieme anche a un piano colore per le facciate. Che esiste, ma non esiste. E col divieto di installare sui tetti ripetitori telefonia».

«Sarebbe bellissimo - concorda Alessandro Romano - Le piazze nascono infatti come luoghi d’incontro e non per le auto»: come non essere d’accordo? Peccato che sia vera pure l’affermazione di Luca Gorse, che ricorda come «fanno più comodo i soldi che ricavano dai parcheggi».

E dire che - come sottolinea Federica Armano - «lustrata a dovere non avrebbe nulla a che invidiare a piazza Ducale di Vigevano». Ma allora, come suggerisce Giuliano Bennati, «perché non indire un concorso a premi per le proposte? Scuole, professionisti, artisti, cittadini... Costo quasi nullo e idee in quantità: con un parcheggio sotterraneo in superficie ci sarebbe spazio per tutto, dehor e spazio eventi, verde, fontane e aree gioco per bimbi».

A proposito di idee, ad esempio, Manuel Fusaro suggerisce «una cornice di alberi e aiuole curate e un mercato con strutture in legno semi permanenti: lo verrebbero a visitare da tutta Europa». Anche perché, è la chiosa di Paolo D’Onofrio, «tutte le città hanno piazze senza macchine ma verde e panchine. Noi invece nelle due piazze principali abbiamo parcheggi per auto...».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

L'editoriale

I medici e gli infermieri costretti
al silenzio

29 Maggio 2020 ore 08:24
Lavoro

Le offerte di lavoro del Centro per l'Impiego

31 Maggio 2020 ore 10:16
Unità di crisi

In provincia oggi
7 nuovi contagi,
2 vittime
e 15 guariti

25 Maggio 2020 ore 17:41
.