Venerdì 15 Novembre 2019

Il dibattito

E se piazza Garibaldi fosse liberata dalle macchine?

La provocazione social dell’assessore Barosini e una lunga serie di commenti. Favorevoli

E se piazza Garibaldi fosse  liberata dalle macchine?

ALESSANDRIA - La provocazione è stata lanciata via social dall’assessore ai Lavori pubblici, Giovanni Barosini: «Senza auto (in superficie) - il suo post - piazza Garibaldi sarebbe una delle più belle piazze d’Italia...».

Nel breve volgere di poche ore, il dibattito si è scatenato. Con un profluvio di commenti e analisi su uno degli angoli più belli della nostra città purtroppo sfruttato nella maniera più scontata, pur se (attualmente) necessaria.

«Bisognerebbe chiudere alle auto e creare parcheggi a silos e non a terra. Nelle altre città ci sono riusciti, come mai qui no? Forse manca la volontà», scrive non a caso Maria Regina Autano, mentre Claudio Rolando batte su un altro tasto, sul quale oltre un anno fa - in occasione del rifacimento dell’esterno della banca - proprio il nostro giornale pose particolare attenzione: «Magari assieme anche a un piano colore per le facciate. Che esiste, ma non esiste. E col divieto di installare sui tetti ripetitori telefonia».

«Sarebbe bellissimo - concorda Alessandro Romano - Le piazze nascono infatti come luoghi d’incontro e non per le auto»: come non essere d’accordo? Peccato che sia vera pure l’affermazione di Luca Gorse, che ricorda come «fanno più comodo i soldi che ricavano dai parcheggi».

E dire che - come sottolinea Federica Armano - «lustrata a dovere non avrebbe nulla a che invidiare a piazza Ducale di Vigevano». Ma allora, come suggerisce Giuliano Bennati, «perché non indire un concorso a premi per le proposte? Scuole, professionisti, artisti, cittadini... Costo quasi nullo e idee in quantità: con un parcheggio sotterraneo in superficie ci sarebbe spazio per tutto, dehor e spazio eventi, verde, fontane e aree gioco per bimbi».

A proposito di idee, ad esempio, Manuel Fusaro suggerisce «una cornice di alberi e aiuole curate e un mercato con strutture in legno semi permanenti: lo verrebbero a visitare da tutta Europa». Anche perché, è la chiosa di Paolo D’Onofrio, «tutte le città hanno piazze senza macchine ma verde e panchine. Noi invece nelle due piazze principali abbiamo parcheggi per auto...».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Tempo reale

"Vincenti ha confessato". Parole poi confermate al Gip

09 Novembre 2019 ore 09:29
Tempo reale

Tragedia di Quargnento:
la svolta, nella notte il fermo

08 Novembre 2019 ore 22:29
.