Lunedì 16 Settembre 2019

Libri

“Il mistero del Barolo” secondo lo scrittore e imprenditore vinicolo

Venerdì 6 settembre Giovanni Negri presenta il suo libro: un vero e proprio romanzo giallo che spiega come il valore del Barolo si moltiplica in modo esponenziale

“Il mistero del Barolo” secondo lo scrittore e imprenditore vinicolo

ALESSANDRIA - Venerdì 6 settembre alle 18 nel Salone di Rappresentanza della Basile, in via Tortona 71, si terrà la presentazione del libro di Giovanni Negri dal titolo Il mistero del Barolo – Ma è il Nebbiolo che conquisterà il mondo.

Fabrizio Priano, presidente dell’Associazione Culturale Libera Mente -Laboratorio di idee commenta: “Giovanni Negri giornalista e scrittore, è stato segretario del Partito Radicale e parlamentare europeo, oggi imprenditore vinicolo nell’azienda di famiglia, presenta un libro interessante e singolare con il quale affronta, sotto forma di un vero e proprio romanzo giallo, il mistero per il quale il valore del vino Barolo si moltiplica in modo esponenziale”.

C’è stato un tempo in cui per comprare un ettaro di terra nel fazzoletto di Langhe dove si produce il Barolo bastavano cinquemila lire. Oggi lo stesso ettaro può valere dai due ai quattro milioni di euro: dalla “malora” alla speculazione, la vigna è diventata un caveau di oro nero. Com’è successo? Perché il valore di questo vino si moltiplica in modo esponenziale, più di ogni altro? Quali segreti nasconde?

Giovanni Negri guida i lettori in un curioso viaggio nel tempo e nello spazio per risolvere "il mistero del Barolo": dalla preistoria enologica delle legioni romane alle più avanzate tecniche di analisi del Dna, dal Medioevo caldissimo e fecondo alla temibile piccola era glaciale del Seicento, dai roghi degli eretici di Monforte al climate change dei nostri giorni, dalle profondità giurassiche di Eurafrica all’Atlantide di vigne che un tempo ricoprì – e che potrebbe tornare a ricoprire – il Piemonte.

Come nel più classico dei gialli si arriva, indizio dopo indizio, a svelare il passato, capire il presente e immaginare il futuro di un vino che conta solo 14 milioni di bottiglie l’anno ma contiene dentro di sé un mistero assai più profondo. Perché l’autentico protagonista non si chiama Barolo ma ha un’identità assai più antica e nobile, che dai tempi di Dante e san Francesco arriva fino a noi, pronta a conquistare il mondo, anche grazie alla sua peculiarità: a differenza di ogni altro vitigno, non è mai stato e mai sarà riproducibile o clonabile, né si può trasferire dalle terre che all’ombra delle Alpi ne furono la culla e ne sono, tuttora e forse per sempre, l’unico regno.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Spinetta

Bellavita: bimbo bloccato da bocchettone della piscina

10 Settembre 2019 ore 08:49
.
Martin Eden

Luca Marinelli in una scena

Recensione

Martin Eden

14 Settembre 2019 ore 16:08