Lunedì 24 Febbraio 2020

Economia

Dalla Commissione europea un bando per la mobilità nel settore culturale

Dalla Commissione europea un bando per la mobilità nel settore culturale

ECONOMIA - Programma Europa Creativa,: “schema di mobilità per artisti e/o professionisti della cultura” - Commissione Europea – Dg Cultura – Eacea. Oggetto del bando: iniziativa messa in atto dalla Commissione europea per favorire la messa a punto di un sistema di sostegno alla mobilità nel settore culturale.

Il bando fa parte del Programma Europa Creativa, un programma quadro di 1,46 miliardi di euro dedicato al settore culturale e creativo. Composto da due sottoprogrammi (Cultura e Media) e da una sezione transettoriale (fondo di garanzia per il settore culturale e creativo), tale linea di finanziamento si pone come obiettivo quello di rafforzare la competitività del settore culturale e creativo per promuovere una crescita economica intelligente, sostenibile e inclusiva e promuovere e salvaguardare la diversità linguistica e culturale europea.

Il bando ha come obiettivo principale quello di promuovere la circolazione transnazionale delle opere culturali e creative, oltre che degli operatori culturali stessi, sviluppando e mettendo in atto azioni di mobilità individuale di breve durata finanziaria incentivando la mobilità transazionale di artisti e di idee, rendendoli così in grado di operare a livello transnazionale.

Nello specifico intende:
disseminare le opportunità esistenti per la mobilità di artisti e/o di professionisti della cultura;
testare uno schema di mobilità praticabile ed efficiente per artisti e professionisti della cultura che agisca in complementarità con schemi di mobilità già esistenti a livello locale, regionale e/o nazionale;
formulare raccomandazioni politiche per la piena attuazione di tale schema nella prossima generazione di programmi dell’UE.

Il bando è aperto a organizzazioni senza scopo di lucro, autorità pubbliche nazionali, regionali e locali, organizzazioni internazionali, università, istituti d’istruzione, centri di ricerca, organizzazioni profit. Questi soggetti devono avere esperienza nei settori culturali e creativi, nell’organizzazione di attività di mobilità a livello europeo o internazionale e nella gestione di progetti a livello europeo o internazionale.

I progetti devono essere presentati da un consorzio costituito da almeno 3 soggetti di diversi Paesi.

Saranno valutate come ammissibili i seguenti tipi di attività: progetti di cooperazione, conferenze, seminari, attività di formazione, azioni di sensibilizzazione e diffusione, azioni volte alla creazione e al miglioramento delle reti, agli scambi di buone pratiche, studi, analisi, mappatura di progetti, Supporto finanziario a terzi.

La loro durata deve essere al massimo di 16 mesi con inizio indicativamente a febbraio 2020. Sono ammissibili tutte le lingue ufficiali dell’UE.

Dotazione finanziaria disponibile: 1.500.000 euro.

Il contributo Ue per singolo progetto potrà coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili per un massimo di 750.000 euro. La commissione prevede di finanziare 2 progetti.

Scadenza: 27 settembre 2019 – 17:00 CET

Link

Per info
Lamoro scarl
via Leopardi, 4 – 14100 Asti
0141 532516
info@lamoro.it 

con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Pozzolo Formigaro

Coronavirus: due casi sospetti trasferiti
agli Infettivi

22 Febbraio 2020 ore 17:04
.