Venerdì 23 Agosto 2019

novi ligure

Cabella: "Dai lavoratori Pernigotti una lezione di dignità"

Molinari (Lega): "Tutela delle imprese in cima all'agenda". Patelli (Dem): "I Toksoz dovevano mollare anche il marchio"

Cabella: "Dai lavoratori Pernigotti una lezione di dignità"

Cabella e Molinari

NOVI LIGURE — «Il mio plauso va soprattutto ai lavoratori della Pernigotti, che hanno vissuto sulla loro pelle, nell’ultimo anno, una situazione difficilissima, senza mai perdersi d’animo, e continuando a battersi per il loro lavoro con grande forza, compostezza e dignità». Lo ha detto il sindaco di Novi Ligure Gian Paolo Cabella, commentando l’esito del vertice al Mise di ieri.

Alle parole di Cabella si è associato anche il capogruppo della Lega alla Camera, il deputato alessandrino Riccardo Molinari: «La ripartenza della Pernigotti è la dimostrazione che questo governo ha le idee molto chiare, e pone la tutela delle nostre imprese in cima alle sue priorità».

Per Luca Patelli, già portavoce degli operai Pernigotti e oggi consigliere comunale di opposizione con i democratici, «sarà un mese lungo» perché l’accordo preliminare con Emendatori e Spes va ancora perfezionato: «Entro il 30 settembre o si firma l’accordo definitivo o salta tutto». Patelli non ci sta a parlare di un successo del ministro Di Maio: «I Cinque Stelle dovevano fare qualcosa dopo i disastri precedenti». E ancora: «Qui si parla di salvare i posti di lavoro (e non è poco) ma non la Pernigotti. Il futuro è ancora incerto e il piano dei turchi va avanti senza problemi. I Toksoz non hanno venduto il marchio, gli strumenti per convincerli a farlo c’erano e non si capisce perché non siano stati usati».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Valenza

Donna aggredita
da un pit bull

20 Agosto 2019 ore 18:04
Alluvioni Cambiò

La scienza vi reclama: venite
a farvi pungere

20 Agosto 2019 ore 07:41
.