Venerdì 19 Luglio 2019

Scuola

“Immersi nelle storie”: si è conclusa la Summer School di Media Education

Appuntamento alla primavera 2020 per la seconda edizione

“Immersi nelle storie”: si è conclusa la  Summer School di Media Education

SCUOLA - Il progetto formativo Immersi nelle storie: media literacy, visual story telling e identità di un territorio in trasformazione, in fase di realizzazione grazie al patrocinio e sostegno della Fondazione SociAL, con il patrocinio del Comune di Alessandria e dell’Università del Piemonte Orientale, ha favorito, esperienza inedita per il territorio alessandrino, l’avvio di un campus estivo per la Media Education e i linguaggi cinematografici, visivi e digitali, rivolto agli studenti e, in generale, ai giovani dai 14 anni in poi.

La Summer School, che in questa prima edizione porta come titolo tematico Tra mondi. Cinema, identità e narrazioni, è stata offerta gratuitamente ai giovani partecipanti, a cui sono stati riconosciuti crediti formativi, nelle giornate di venerdì 14, sabato 15 e sabato 22 giugno, negli spazi dell’Associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria.

La Summer School ha proposto proiezioni cinematografiche a tema, mini rassegne di cortometraggi, laboratori e workshop sulla regia cinematografica, sul visual storytelling e l’utilizzo consapevole degli strumenti digitali, sul graphic journalism, condotti da registi, media educator, disegnatori, fumettisti e creativi in genere, con l’obiettivo dell’imparare in forma ludica anche attraverso la condivisione di spazi e momenti formativo-ricreativi comuni: un’iniziativa valida anche per i percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento (già percorsi di “alternanza scuola-lavoro”).

Particolarmente apprezzati dai giovani partecipanti la breve rassegna di cortometraggi realizzati dagli studenti di Officinema, laboratorio cinematografico dell’Istituto Saluzzo-Plana, i corti The choice della diciottenne Gaia Fossati, vincitrice della sezione giovani del La Spezia Film Festival 2019, e Fuori emergenza. La complessità dell’accoglienza (un progetto della Regione Piemonte in collaborazione, tra gli altri, con il Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze Politiche Economiche e Sociali dell’Università del Piemonte Orientale), il divertente excursus nel mito cinematografico di Topolino, a 90 anni dalla sua nascita, ad opera del critico cinematografico Sergio Arecco; così come il laboratorio Immersi nelle storie, tra cinema, filosofia e narrazioni, che ha stimolato la riflessione sui grandi temi del pensiero declinati attraverso le immagini e la sperimentazione di un possibile percorso didattico per studenti delle scuole medie inferiori.

I ragazzi si sono messi appassionatamente alla prova anche con la partecipazione ai numerosi workshop: da L’Italia è una terra straniera a cura di Giuseppe Previtali dell’Università di Bergamo, sulla lettura critica delle rappresentazioni del cinema e dei nuovi media, a Disegno e attivismo nell’era di Internet condotto da Gianluca Costantini, per sperimentare la nascita di una narrazione con le regole del graphic journalism, sino all’ultimo e molto partecipato Raccontare un territorio. I film e i video per lo storytelling d’impresa di Umberto Mosca.

Immersi nelle storie: media literacy, visual story telling e identità di un territorio in trasformazione è un progetto il cui ente capofila è l’Associazione di cultura cinematografica e umanistica La Voce della Luna, in collaborazione con Istituto Saluzzo-Plana, AleComics, l’Associazione Amici del Vinci, Ascom-Confcommercio di Alessandria, Associazione Cultura e Sviluppo, Camera di Commercio di Alessandria e Asti, Cgil, Cia Alessandria, Federazione Italiana Cineforum, Gapp Alessandria, Libreria Mondadori Alessandria, Caffè Teatro e Officinema.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Ovada

Guido: un simbolo di Ovada se ne va

10 Luglio 2019 ore 08:57
Il caso

La chiusura
del ristorante im...

16 Luglio 2019 ore 09:06
.